LEONE: COME SARA’ IL 2017

IMG_2390

LEONE
Per raccontare il 2017 del Leone, cercavo una storia di riscatto e di rivincita. Perché il 2017 è l’anno in cui per molti nati del segno giunge il momento di raccogliere i frutti di tre anni di fatica e di allenamenti durissimi in una palestra di vita che non ha fatto sconti. Cercavo, appunto, un film che potesse rendere con la giusta enfasi la ricompensa di chi ce la fa, di chi non si è tirato indietro nei momenti più difficili, ha continuato a credere di poter cambiare le cose e finalmente arriva alla meta.

Perché i tre anni con Saturno in quadratura (dalla fine del 2012 alla metà del 2015) hanno avuto proprio il senso di un faticoso allenamento, di una selezione naturale dove i più decisi proseguivano nei propri intenti di cambiamento nonostante il vento avverso, mentre i meno determinati tornavano sui propri passi. Ripensando a quei tre anni, mi viene in mente la pubblicità delle Duracell, dove gli orsetti che non hanno abbastanza “carica” si fermano lungo la via, e solo chi ha le batterie più forti (rappresentate da idee chiare, tenacia, determinazione e umiltà) arriva fino al Traguardo.

Ecco, il 2017 è l’anno del Traguardo per moltissimi versi. Per questa ragione, ho pensato a Rocky, a Flashdance, a tantissime storie che contengono dentro di sé la luce di una ribalta che ricompensa anni di sforzi e sacrifici. Mi “mancava” però un “passaggio intermedio”: il fatto che per saltare sul podio del vincitore, occorre spesso un’idea geniale, dirompente, in grado di rimescolare le carte e spiazzare, andando contro gli schemi e le aspettative degli altri. Per questa ragione, mi è venuto in mente “Tootsie”, il memorabile film con Dustin Hoffman, perché oltre alla vittoria, racconta anche la capacità di rompere gli schemi e trovare la strategia giusta per se stessi, la strada alternativa che porta al successo, senza incaponirsi per orgoglio bussando per ostinazione a porte che sono state sbarrate in passato solo per poter dire “avevo ragione io”.

Per chi non l’avesse visto, “Tootsie” racconta la storia di Micheal Dorsey, un attore che non riesce a sfondare. Anzi, non riesce neanche a trovare ruoli di secondo piano. Non perché gli manchi il talento (perché, al contrario, ne ha eccome!) ma perché, come gli ricorda spesso il suo agente, “è un vero rombiballe”: entra in conflitto con i registi perché non ne tollera l’autorità, mette in discussione le battute delle scene o le scelte di regia, e in breve tempo da New York ad Hollywood gli sbattono tutti la porta in faccia.

Finché non gli viene l’idea, geniale dirompente, in grado di uscire dagli schemi. Viene a sapere di un provino per un’attrice della sua età: cercano la capo-infermiera per una soap opera ambientata in un ospedale. Micheal Dorsey si presenta al provino camuffato da attrice e lo vince! Non solo: ma trasforma questo ruolo di un’insipida soap opera in un mito assoluto. Arriva la popolarità vera, le copertine delle riviste più in voga, la stampa la osanna. Insomma, Dorothy diventa la star che Michael nei suoi panni maschili non era mai riuscito a diventare. Bada bene: la sua non è una “scorciatoia”, perché nella New York degli anni ‘70 per una attrice donna non è certo più facile che per un uomo. E poi, diciamocelo pure, Dorothy non è certo una donna affascinante. No, il discorso è un altro: nei panni di Dorothy, Michael può finalmente lasciarsi un po’ andare, smette di prendersi sul serio e di essere così ossessivamente attaccato all’idea di “sfondare”. Il suo lavoro diventa esattamente ciò che dovrebbe essere: un “gioco”. Non perché non richieda impegno, grinta e determinazione, ma perché consente a Michael di esprimere il proprio talento senza entrare in conflitto con gli altri, senza attaccar briga con i registi perché – e questo è il punto più importante – si affranca da quel disperato bisogno di dimostrare il proprio valore. Smette di essere così attaccato all’obiettivo, al traguardo, all’ambizione. E proprio quando smette di cercarlo con tanta ossessione, ci si ritrova ad un passo e lo ottiene.

Anche per il Leone il lavoro da qualche anno è diventato l’arena sulla quale dimostrare il proprio. Per molti nati del segno, negli ultimi anni è diventato impellente cercare un cambiamento nel lavoro che consentisse loro di risplendere. E dal 2012 al 2015 (sotto la quadratura di Saturno), moltissime sono state le “porte in faccia”, le false partenze, i ritardi, le difficoltà. Si tratta di quel duro “allenamento” di cui parlavo all’inizio di quest’oroscopo, di un incantesimo severo che finalmente si “spezza” in questo 2017, l’anno che rappresenta il portale in una nuova vita più felice e appagata, più “di successo”, a condizione però di fregarsene del giudizio altrui e cercare le strade giuste per sé, senza incagliarsi in una forma, senza insistere per orgoglio su strade che per anni non hanno funzionato.

Il 2017, quindi, è l’anno “giusto” soprattutto per chi da qualche anno cerca un cambiamento, un’iniezione di energia vitale e di rinnovamento. Questo vale senz’altro nel lavoro, ma più in generale nella vita perché per molti non è tanto il vero “provino” (per restare nel film) è cambiare aria, far entrare nuovi input e ispirazioni, avvicinare la propria vita al centro dei propri desideri.

Questo vale anche in amore: il 2017 è un anno all’insegna del “Vietato accontentarsi”. Le coppie forti tornano a navigare a vele spiegate, mettendo in cantiere nuovi progetti che riguardano la casa, il matrimonio o un figlio. Il cielo autunnale parla proprio di “fare sul serio”, e saranno molti i nati del segno che accederanno a una dimensione più adulta e matura della relazione con un inizio di convivenza, con un “sì” o con un primo figlio. Allo stesso modo, se ci sono coppie che attraversano crisi ormai croniche, nella prima parte dell’anno (specialmente a gennaio) potrebbero trovarsi ad affrontare delle scelte più decise e radicali. C’è da sgomberare il campo per un anno davvero ricco e generoso, e gennaio arriva un po’ come il vento che fa cadere le foglie secche per ricreare uno spazio bianco da riempire di “nuovo”.

Alcune coppie, invece, attraversano un momento complicato perché ci sono Leoni che ancora non vedono un vero miglioramento lavorativo, che sono bloccati o che non riescono a far decollare un progetto, e finiscono per scaricare questo malcontento sulla relazione. Questo è un errore da non commettere, anche perché come dicevo prima quest’anno consente a molti nati del segno di sbloccare definitivamente la propria situazione lavorativa e raccogliere i frutti e le “ricompense” di questo quadriennio così pesante e faticoso. Sarebbe un peccato compromettere un amore per un malcontento che si scioglierà da solo.

Anche per i cuori solitari, quest’anno cambia marcia. Questo del 2017 è un Leone che ritrova la determinazione, il coraggio e l’autostima di sempre. Il Leone è un segno che normalmente non ha difficoltà a riconoscersi il proprio valore, ma gli ultimi anni (così pesanti) l’hanno portato a ruggire in tono minore e alle volte a cercare conferme negli altri. Questo può aver comportato il rischio, negli ultimi anni, di restare “attaccati” ad incontri e persone che non lo meritavano fino in fondo, soprattutto per non sentirsi “soli”. Nel 2017, tutto questo resta un pallido ricordo: le occasioni d’incontro saranno moltissime (soprattutto tra febbraio e maggio), ma darai una vera chance solo a chi realmente lo merita. Ed è un giustissimo atteggiamento per arrivare con la “giusta compagnia” ad una parte finale dell’anno (da ottobre a dicembre) che permette di consolidare gli amori con una promessa o con un inizio di convivenza. Insomma, anche per i single c’è un vero rilancio con nuovi amori in grado di diventare “importanti” in breve tempo.

Insomma, un anno importante e ricco di occasioni, che rimuove freni e diaframmi e consente al motore di sprigionare potenza e velocità. Un anno alla luce del quale moltissime difficoltà del passato appariranno per ciò che realmente sono: la faticosa preparazione di un atleta che nel 2017 disputa la propria Olimpiade e si porta a casa una medaglia d’oro. Ricorda: «vietato accontentarsi». Finalmente.


leone-1024x5351


IL NUOVO LIBRO DI SIMON E’ IN FINALMENTE LIBRERIA!
DISPONIBILE SU >>IBS<<>>AMAZON<< E IN TUTTE LE LIBRERIE E STORE ONLINE!

LEGGI L’OROSCOPO 2017 PER GLI ALTRI SEGNI >>CLICCANDO QUI<<


comments

Oroscopo