OTTOBRE 2015 – ACQUARIO

8924804_sACQUARIO – MESE DELL’ESPANSIONE!

Molti sarebbero potuti essere i “titoloni” di quest’oroscopo di ottobre. Mese della liberazione, per esempio. O mese della rinascita. O mese della ricreazione, come a scuola! Eh si, perché dopo quasi tre anni a dir poco massacranti, il 18 settembre Saturno ha finalmente lasciato la quadratura.

C’è da dire che di transiti “difficili” se ne sono succeduti molti negli ultimi tempi, ma la quadratura di Saturno rappresentava proprio la nota di fondo di tutte le difficoltà e le fatiche. Ne ho parlato tantissimo nelle precedenti puntate del “nostro” oroscopo, e ormai immagino che chi mi legge conosca alla perfezioni le “prove” del grande maestro dello Zodiaco.

Tanto per dare l’idea a chi mi legge per la prima volta, Saturno in quadratura ha rappresentato un rigido genitore interiore sempre all’erta, che ha severamente giudicato il nostro impegno e la nostra dedizione; che ci ha sempre mostrato il lato più duro e pesante delle cose: quello della difficoltà, della fatica, della paura di sbagliare e delle responsabilità delle nostre azioni. E nonostante questo, con una dignità e un impegno non indifferente, siamo andati avanti. Con il freno a mano tirato, percorrendo contromano la strada verso la realizzazione dei nostri sogni, sudando più del dovuto su salite ripide e sentieri scoscesi.

Ora che Saturno ha lasciato questo transito così faticoso, ora che abbiamo più questo freno a mano planetario, tutta la potenza della nostra immaginazione e del nostro desiderio di voltare pagina possono finalmente tornare ad esprimersi. Eh sì, perché nonostante Saturno in quadratura, Giove in opposizione e tantissime altre sfide planetarie, molti nati del segno sono riusciti a fare grandissime cose negli ultimi tre anni. Immagini cosa potremmo realizzare ora che le zavorre sono cadute: possiamo realmente prendere quota e volare molto più in alto. Un nuovo cielo che dà un bel colpo d’ala ai nostri progetti e ci consente di esprimere in modo più pieno ciò che desideriamo fare/essere/diventare. Soprattutto per chi sogna cambio radicale di scenario, migrando verso un nuovo lavoro e verso un altro Paese, ecco finalmente il cielo della svolta. Un cielo che dopo tre anni d’inviti alla cautela, questo è un anno che premia il coraggio e la voglia di risplendere!

Insomma, davanti a noi c’è una vera e propria autostrada di crescita. Ma non andiamo troppo lontano… restando ai transiti di ottobre (che sono bellissimi), il Sole e Mercurio percorrono i gradi della Bilancia, accendendo la nostra Nona casa, l’area dello Zodiaco che rappresenta l’espansione. E’ un tema che sta particolarmente a cuore al nostro segno, che “fermo” non ci sa proprio stare. Se non siamo costantemente proiettati in una grande impresa di crescita e di conquista di nuovi orizzonti, ci sembra di retrocedere come gamberi. Ed è proprio questo il “dono” dei transiti del mese: ci consentono di allargare la nostra prospettiva sulle cose, di abbracciare nuovi interessi che si traducono in nuove attività; di trarre ispirazione da tutto ciò che è nuovo. In primo luogo tramite i viaggi e tutto ciò che consente di poggiare lo sguardo su nuovi panorami, di allargare la cerchia dei propri contatti verso altre città o nazioni. Cogli al volo ogni occasione che consente di allargarti verso il nuovo, perché i prossimi mesi riservano importanti sorprese, parlano d’importanti trasformazioni che in modo più o meno latente lavorano dentro di noi già da qualche tempo. E che d’ora in poi iniziano a manifestarsi anche all’esterno, facendosi strada verso la realizzazione concreta. Marte e Venere nella nostra ottava casa hanno proprio questo significato: siamo nel pieno di un processo di metamorfosi che inizia a diventare concreto; a trasformarsi in occasioni, proposte o altre situazioni che ci consentono di voltare pagina verso una vita più appagante.

Anche Mercurio è dello stesso avviso. Ad ottobre completerà il suo terzo e ultimo moto retrogrado dell’anno. I moti retrogradi sono tre all’anno, avvengono tutti nello stesso elemento e rappresentano un prezioso indicatore sulle caratteristiche di quell’anno. Nel 2015 tutti i moti retrogradi di Mercurio sono stati ospitati dai segni d’Aria, il “nostro” elemento, che richiama alla mente il regno mentale delle idee e della comunicazione. I tre retrogradi di Mercurio nel corso dell’anno rappresentano una sorta di triade hegeliana (tesi, antitesi e sintesi) che dà un forte imprinting all’anno. Il primo moto retrogrado è avvenuto proprio in Acquario dal 22/1 al 12/2, ed è stato il vero e proprio “seme” di un importante nuovo progetto di cambiamento che sta pian piano prendendo forma (tesi). Per utilizzare una metafora legata alla scrittura (idee, parola, comunicazione), questo è il momento in cui è nata l’idea, lo spunto. Poi c’è stato il secondo moto retrogrado in Gemelli dal 19/5 al 12/6. Il “seme” nato in febbraio si è confrontato con le difficoltà della realizzazione concreta. L’aria è idea allo stato puro. Per incarnarsi e venire alla luce in un’opera di senso compiuto si deve confrontare con la materia e con il fare concreto (antitesi). Questo è stato il senso del transito di giugno, che – guarda caso – ha coinciso con il ritorno in quadratura di Saturno e con un incremento di fatica. Come dire: hai voluto la bicicletta…? Ora pedala! In queste settimane, invece, siamo nel bel mezzo del terzo moto retrogrado, la sintesi. Per tornare alla metafora dello scrittore, l’idea è nata a febbraio, la dura scrittura è stata protagonista del retrogrado di fine maggio/inizio giugno, e adesso arriva il tempo della pubblicazione.

Due considerazioni.

La prima: mi sono avvalso della metafora dello scrittore, ma questa dinamica in tre fasi vale per tutte le iniziative di cambiamento, per tutti quei progetti di vita e di lavoro che nel corso di quest’anno sono stati – diciamo così – fuori dal quadro della tua normale occupazione e che rappresentano un gancio che può sollevarti in un cielo di maggiore vicinanza al tuo centro. Prova a tornare con la mente alla prima metà di febbraio e alla prima metà di giugno per vedere se in quei giorni è accaduto qualcosa di significativo in questo senso. In caso affermativo, ciò che il cielo di ottobre sta preparando per te è il coronamento di quell’idea e dello sforzo per realizzarla.

La seconda: tutto questo calza perfettamente con la mia storia personale e con il lavoro al mio libro, e qualcuno potrebbe pensare che sia condizionata da eventi personali. Per incredibile che possa apparire, non è così perché queste considerazioni le scrissi alla fine dello scorso anno nelle previsioni annuali (Come sarà il 2015: www.facebook.com/notes/simon-the-stars/acquario-come-sara-il-2015/310024822521498) quando l’idea di lanciarmi nella scrittura di un primo libro era ancora lontana anni luce dai miei pensieri. Ma evidentemente faceva parte di un periodo di avvicinamento al mio centro, e questo 2015 di liberazione l’ha introdotto silenziosamente nel mio cielo. Salvo poi farlo decollare ora, con Saturno fuori dalla quadratura, sotto il terzo e ultimo moto retrogrado dell’anno.

Per questa ragione, presta particolare attenzione a proposte e nuovi contatti che possono giungere nel corso del mese, soprattutto dopo il 10: potrebbero contenere una “chiamata” importante verso la realizzazione concreta di un “seme” che magari anche in modo non del tutto consapevole ti lavora dentro dall’inizio di quest’anno.

Anche per l’amore, le nebbie iniziano a diradarsi. Venere scioglie la pesante opposizione che ha oppresso il cuore di molti nati del segno per quattro lunghi mesi. Arriva il periodo delle rivoluzioni, delle illuminazioni, perché in fondo questo è l’autunno della grande ripresa dei sentimenti, e non solo.

Alcune coppie hanno pesantemente accusato i colpi della lunga opposizione di Venere e Giove, ed escono dall’estate un po’ affaticate. Se c’è una reale volontà di rilanciare un rapporto, il cielo di ottobre e in particolare il transito di Venere nell’Ottava casa consentono un buon recupero, a condizione però che entrambi siano disposti ad affrontare un cambiamento profondo per rilanciare il rapporto su basi nuove. Altrimenti c’è la possibilità di prendere strade separate. Ricorda: stiamo entrando nel vivo di fase di profonda trasformazione. Ciò che non è più in linea con te stesso va lasciato per la via. Questo indica il cielo di ottobre. Quando è coinvolto il cuore, naturalmente, è più difficile prendere direzioni separate. Ma se la coppia s’inceppa sempre sugli stessi problemi e sulle stesse dinamiche di recriminazione e non evolve in alcun modo, far finta di niente è peggio che prendere decisioni difficili.

Per chi invece è coinvolto da una relazione recente, le cose camminano bene ma forse manca un po’ di quel fuoco di passione che ci si aspetta soprattutto agli inizi. In questo senso, ottobre è un mese rivelatore, perché o la passione divampa, oppure il fuocherello si spegne del tutto.

Per i cuori solitari, le possibilità d’incontro sono sparse per tutto il mese e soprattutto nella seconda metà. Nella maggior parte dei casi sono incontri più di passione che di vera e propria affinità elettiva. Non sottovalutarli, perché non è detto che a novembre da una bella passione possa nascere un grande amore.

Due parole finali per chi in questo 2015 ha vissuto una storia faticosa e contrastata, fatta di indecisioni, di addii e di continui ritorni. Una storia che ha avuto i suoi giri di boa più importanti ad inizio anno (tra fine gennaio e metà febbraio) e alla fine della primavera (tra fine maggio e metà giugno). L’inizio dell’autunno porta  più chiarezza nel cuore di entrambi, scioglie l’indecisione, elimina qualche ostacolo esterno e consente – finalmente – di trovare il modo per iniziare a costruire insieme. Proprio quando, aggiungerei, stavi per metterci una pietra sopra…

Insomma, stiamo cambiando pelle, e qualcosa andrà pur lasciato lungo la via per fare spazio alla nuova pelle che sta venendo alla luce e che – naturalmente – rispecchia la nostra vera natura molto di più della vecchia. Non possiamo accumulare l’una sull’altra: dobbiamo scegliere. Sono naturalmente processi lunghi, non decisioni da prendere tirando una monetina. Piuttosto, questo nuovo cielo ci suggerisce di allontanarci gradualmente dalle cose che non fanno più per noi e di accostarci invece a ciò che ci consente di emozionarci e di esprimerci.

VOTO: 8+
METRONOMO: allegrissimo rivoluzionando

comments

Oroscopo