TORO: COME SARA’ IL 2017

IMG_2386

TORO
Per raccontare il passato recente del Toro, e soprattutto l’importante giro di boa che si compie nel 2017, ho scelto I GOONIES, un film dalla mia adolescenza che rivisto con gli occhi di oggi mi ha fornito moltissimi spunti di riflessione. Per chi non ricordasse il film, i “Goonies” sono un gruppetto di ragazzini cresciuti insieme in un quartiere (“Goon Dock”) che sta per essere smantellato per far posto ad campo di golf. All’inizio del film, i Goonies stanno facendo i bagagli, perché l’indomani lasceranno le loro case. Rovistando in una soffitta trovano una vecchia mappa del tesoro, appartenuta a un pirata leggendario di quella zona. La necessità di abbandonare le certezze di sempre diventa così l’occasione partire per un’ultima avventura insieme, alla ricerca di quel leggendario tesoro. Naturalmente, lo troveranno, scopriranno che era sempre stato lì, sotto le loro case, e grazie al tesoro riusciranno anche a salvare la loro terra.

Senza arrivare a questo eccesso, anche il Toro viene da tre anni con Saturno contro (dal 2012 al 2015) durante i quali molti punti fermi e certezze hanno iniziato a vacillare. In quei tre anni, Saturno contro ha spinto molti nati del segno a smontare le sicurezze personali di sempre per passarle al setaccio. L’opposizione di Saturno consente di mettere a fuoco un nuovo senso d’identità attraverso lo specchio degli “altri”, dei rapporti interpersonali più stretti, e così molti nati del segno in quegli anni hanno visto nuovi lati di sé attraverso nuove relazioni diverse dal consueto, oppure si son dovuti rendere conto di ciò che non erano più attraverso relazioni che sono entrate in crisi e che, tutt’a un tratto, sono apparse “vecchie”.

Anche per il Toro, proprio come per i Goonies, quel periodo di “crisi” delle certezze di sempre ha avuto il pregio di svelare l’esistenza di un tesoro inesplorato e di fornire preziose indicazioni per portarlo alla luce. Il 2016 è stato un anno contrastato, pieno di alti e bassi, che ha preparato il terreno ad un 2017 che consente davvero di trovare il tesoro. E anche per il Toro, la “sorpresa” è la stessa dei Goonies, perché il tesoro è vicinissimo ma per trovarlo occorre percorrere strade e “scavare” in direzioni mai esplorate prima d’ora. E’ un anno che può dare moltissimo a chi lo percorre con una certa elasticità e con grande spirito d’esplorazione. Soprattutto chi è in cerca di un cambiamento lavorativo dovrebbe darsi la possibilità di sperimentare, di mettersi alla prova con incarichi o mansioni nuove. Non a caso parlavo di Mappa del tesoro: se tu sapessi esattamente dov’è nascosto, non occorrerebbe una mappa. Invece, probabilmente, occorre scavare in luoghi cui non avevi pensato, fare cose mai fatte prima, andare in direzioni nuove con coraggio e spavalderia, perché questo è un anno di crescita dove un passo indietro dalle abitudini consente di farne cento verso la realizzazione personale. E’ importante osservare e osservarsi, ma rispetto al 2016 tutto questo diviene più facile e meno pesante: le indicazioni della mappa diventano più chiare, si smette di guardarla dalla parte sbagliata.

Anche in amore, “sperimentare” significa sapersi lasciar andare a nuove storie, anche se conducono fuori dal perimetro di sempre, con persone anche diverse dalle frequentazioni abituali. Ma significa anche non aver fretta di definire un rapporto, guardarsi dentro e leggere i propri sentimenti, ascoltare le proprie emozioni, e non lasciare, ad esempio, che la voglia di stabilità che appartiene al segno possa condizionare una scelta d’amore. O non avere fretta di “ufficializzare” a tutti i costi una nuova relazione, o non forzare l’altro se ha bisogno di un tempo più lungo per arrivare ad una promessa.

Almeno fino ad ottobre, quindi, il nuovo anno premia l’elasticità. Quella stessa elasticità che tra febbraio e maggio porterà molti nati del segno a riconsiderare una precedente decisione, a dare magari una seconda chance a un partner con il quale nell’autunno del 2016 c’è stata una rottura o un allontanamento. Molti nati del segno, infatti, a cavallo tra l’inverno e la primavera potrebbero rendersi conto di essere stati troppo affrettati o sbrigativi nel chiudere una relazione o troppo severi nel giudicare una diversità caratteriale.

Nel nuovo anno, elasticità e uno spirito d’esplorazione premiano anche i cuori solitari. Giugno e settembre sono i mesi più propizi per i nuovi incontri. A volte ci sono situazioni che nascono come amicizie per poi trasformarsi in qualcosa di più affettivo. Per chi è alle prese con una nuova relazione che non dà certezze sin dall’inizio, o dove le differenze caratteriali o le distanze sembrano troppe, vale comunque la pena di osservare, osservarsi e verificare, senza forzare la mano, allentando la tensione e l’urgenza di ufficializzare e ritrovando al contrario un po’ di leggerezza. O alcune distanze iniziali (geografiche o caratteriali) possono, infatti, essere colmate in breve tempo e dare vita a relazioni più stimolanti.

Dall’autunno, invece, il cielo cambia: Giove cambia posizione ed entra nella casa delle relazioni. Tutto sembrerà più chiaro. Le relazioni che ancora avranno dei profili d’instabilità o d’incertezza passeranno il Rubicone di una maggiore definizione. Si alza la posta in gioco: chi ha le idee chiare, ci si ri-sceglie. Molte coppie in autunno arriveranno all’altare, andranno a vivere insieme, avranno un primo figlio. Chi invece vede che il bilancio dei “no” supera quello dei “si” potrebbe prendere strade separate. In qualche modo, per utilizzare una terminologia da “Legal Drama”, è come se la prima parte dell’anno fosse un’istruttoria: un tempo per chiarirsi le idee, per analizzare tutti gli elementi e per leggersi dentro. O, se preferisci, per decifrare le indicazioni della Mappa del Tesoro. La parte finale dell’anno, invece, sarà il momento di emettere una sentenza più definita: le relazioni che funzionano, sono consacrate con un “sì” più pieno e solenne.

Insomma, questo è un anno che consente di dare un senso diverso a molte difficoltà del passato, ritrovandovi il seme di un cambiamento positivo. Non si può costruire un nuovo edificio su un terreno già costruito. Occorre prima buttar giù tutto, creare un nuovo spazio, e poi si può ricominciare a edificare. Che si tratti di un edificio di nuove certezze e soddisfazioni professionali, o delle fondamenta di un nuovo amore, questo è l’anno della ricostruzione.


20161027162433toro-1024x535.jpg


IL NUOVO LIBRO DI SIMON E’ IN FINALMENTE LIBRERIA!
DISPONIBILE SU >>IBS<<>>AMAZON<< E IN TUTTE LE LIBRERIE E STORE ONLINE!

LEGGI L’OROSCOPO 2017 PER GLI ALTRI SEGNI >>CLICCANDO QUI<<


comments

Oroscopo