Il Cielo del Momento

Luna Piena

LA LUNA PIENA DELLE GRANDI SCELTE


LA LUNA PIENA DELLE GRANDI SCELTE

Ciao a tutti! Come state? Oggi abbiamo una straordinaria Luna Piena in Sagittario, una delle più forti di quest’anno, e vale la pena di parlarne un po’. Straordinaria perché si tratta di una “Super Luna”, poiché la Luna è nel suo punto di massimo avvicinamento alla Terra e questo la rende più grande e luminosa. Ma straordinaria anche perché è una Luna in eclissi e questo, ben lungi dall’oscurarla, ne aumenta ancor di più la potenza. La Luna Piena infatti rappresenta di per sé la fase culminante di un ciclo iniziato due settimane prima con il novilunio (in questo caso, della Luna Nuova in Toro dell’11 maggio scorso).

Allo stesso tempo, però, una Luna Piena in eclissi rappresenta la fase culminante di un ciclo iniziato sei mesi prima, e cioè con la Luna Nuova in eclissi del 14 dicembre scorso. Per questa ragione, e prima ancora di entrare nel vivo del discorso, guardate con attenzione a ciò che vi si muove attorno (o dentro) tra oggi e domani, perché in molti casi potrebbe rappresentare l’esito di qualcosa che è iniziato a metà dicembre. Potrebbe rappresentare l’effetto di una scelta, il risultato di un progetto o di un’iniziativa attivata sei mesi fa. Molte possono essere le situazioni, accomunate però da uno stretto collegamento tra queste giornate ed il novilunio del 14 dicembre.

Detto questo, torniamo alla Luna Piena che, come dicevamo, rappresenta la fase culminante del ciclo lunare. E’ il giro di boa, il passaggio tra la fase crescente e la fase calante. Tra una prima parte del ciclo (chiamiamolo “il viaggio di andata”) che ha molto a che fare con l’azione e con la sperimentazione, ed una seconda parte (il “viaggio di ritorno”) che ha invece un sapore di rielaborazione e di assimilazione di un insegnamento. Del resto, la fase crescente è tutta volta alla costruzione di una consapevolezza che si va formando, ed è esattamente la Luna Piena, fase di manifestazione che talvolta assume i contorni di una autentica “rivelazione”.

Alla Luna Piena, il Sole e la Luna vengono a trovarsi in perfetta contrapposizione, ai due opposti dello Zodiaco. In questo caso, il Sole ha appena raggiunto il 5° grado dei Gemelli, e da lì si contrappone alla Luna che attraversa il 5° del Sagittario. Sono entrambi molto vicini all’asse dei Nodi Lunari (in questo periodo il Nodo Nord è al 10° dei Gemelli ed il Nodo Sud al 10° del Sagittario) ed è proprio questa vicinanza a dare vita all’eclissi. Questo fenomeno dell’opposizione possiamo osservarlo anche con i nostri occhi, perché la Luna Piena sorge ad est esattamente nello stesso momento in cui il Sole tramonta ad ovest, sul lato opposto della circonferenza terrestre.

L’uno va e l’altra viene, al tramonto. L’una va e l’altro torna, all’alba. Come due splendidi Soli (per utilizzare il titolo di un noto romanzo): uno diurno (più radioso e accecante), l’altro notturno (più delicato e struggente). Identici nella forma e nella dimensione apparente. E questo avviene grazie ad una straordinaria “coincidenza” del tutto unica nel sistema solare. Il Sole è, infatti, 400 volte più grande della Luna, ma la Luna è 400 volte più vicina. E questo li rende, al plenilunio, assolutamente identici nel cielo. Si trovano l’una di fronte all’altro, la Luna cattura l’immagine del Sole e ce la restituisce di notte. Ed è proprio da qui che deriva il suo significato simbolico di rivelazione, perché è come se la Luna Piena ci consegnasse l’insegnamento che le ha affidato il Sole, affinché lei lo traducesse in un significato che siamo in grado di decifrare e comprendere.

Del resto, se ci pensate bene, noi conosciamo la forma e le dimensioni del Sole proprio perché è la Luna a mostrarcele. Se tentassimo di guardare il Sole dritto negli occhi, ci accecherebbe. Qualcosa del genere accade anche tra il Sole e la Luna dell’astrologia. Il Sole nel nostro tema di nascita rappresenta lo “spirito vitale”, quel frammento di divino che alberga in ciascuno di noi. A volte non è facile comprendere ciò che ci chiede di fare, di essere e di diventare in quello straordinario viaggio di che è la vita. Il suo traguardo è chiaro, perché la sua vocazione è quella di risplendere trasformandoci nella versione migliore di noi stessi. Ma la rotta a volte non è facile da decifrare, e ci pensa la Luna a tradurla in un linguaggio a noi più accessibile. Quello delle emozioni, delle sensazioni, degli stati d’animo, delle situazioni che a pelle ci “chiamano” o che, al contrario, ci “respingono”. (continua)

Altro da Il Cielo del Momento