Il Cielo del Momento

Capricorno

LO ZODIACO DELLE PRINCIPESSE: JANE/ELSA (CAPRICORNO)


Del resto, anche per un segno “strutturato” come il tuo è impossibile programmare qualsiasi cosa. Persino la carriera di Tolkien, leggendario autore de “Il signore degli anelli” nonché Capricorno doc) – prese una piega del tutto diversa da quella che lui stesso aveva ipotizzato.  Innanzitutto, vedeva se stesso come filologo, linguista e studioso di mitologia ben prima che come romanziere. La sua vera passione erano le lingue. Le analizzava, le comparava, ne creava di nuove, mentre raccontare non era la sua priorità.

Ma a volerlo proprio fare, bisognava farlo in grande: ci voleva un’opera monumentale, che partisse dalla creazione di un “universo”. Bisognava raccontarne la genesi, le divinità, le lingue, la storia e la geografia. E così, subito dopo la guerra aveva iniziato a dedicarsi al “Silmarillion”, la storia delle origini del mondo di Arda. Rispetto ai fatti del Signore degli Anelli l’aveva presa, per così dire, un po’ alla lontana. Era partito – letteralmente – da Adamo ed Eva, con un opera complessa per lui da scrivere e per il lettore da addentare. Tant’è che il libro (un capolavoro) venne rifiutato da molti editori e vide la luce soltanto dopo la sua morte.

Quand’ecco però che Tolkien diventa papà, e accade qualcosa di imprevisto. Nella sua mente prende forma un esserino di nome Bilbo, che parte insieme a tredici nani per andare a recuperare un tesoro e, strada facendo, si imbatte in un anellospeciale. Una storia nata con un unico intento: raccontarla ai suoi figli. Certo poi, buonanotte dopo buonanotte, quella fiaba era cresciuta. Alimentata dall’amore e dall’ispirazione, aveva preso nuove diramazioni fino a diventare un piccolo gioiello. Il manoscritto era poi finito per caso nelle mani di una piccola casa editrice. E quando gli proposero di pubblicarlo, mai avrebbe pensato che quel libro per ragazzi potesse trasformare un professore emerito di Oxford in una leggenda senza tempo.

Ecco, tu sei esattamente in questo punto della storia. Quel punto in cui il manoscritto iniziale del “Silmarillion” viene rifiutato da qualche editore. Quel punto in cui anche tu potresti esserti sentito “incompreso”, non sufficientemente seguito o spalleggiato, nel tuo “grande progetto”. Ma è proprio in quel punto della storia che il Capricorno depone le armi, inizia a viversi di più il proprio aspetto emotivo, torna ad essere guidato dalla passione più che dal risultato e – improvvisamente – trova il bandolo della matassa. Perché in fondo è giustissimo puntare al cielo, e tu lo insegni all’intero Zodiaco! Ma sono le piccole cose che ti portano alle grandi cose, non il contrario! E a quella “vetta” sei più vicino che mai!

E quando inizierai ad intravederla, anche una serie di contrarietà del passato appariranno in una luce diversa. Perché quel piccolo passo vincente che ti ci porterà vicino (magari con un sentiero diverso da quella che avresti sempre immaginato) “poggia” in qualche modo su tutti i passi compiuti in precedenza. Passi faticosi, a volte passi “falsi” (almeno in apparenza), ma cionondimeno passi che ti hanno avvicinato alla vetta di una maggiore consapevolezza. Perché adesso sai perfettamente chi sei, cosa sei in grado di fare e come farlo. E quando finalmente pianterai una bandierina sopra un grande traguardo, comprenderai che quell’ultimo grande passo è figlio di tutti quelli che sono venuti prima. (continua)

Altro da Il Cielo del Momento