MERCURIO IN RETROMARCIA! 

mercurio

MERCURIO IN RETROMARCIA! 

Ciao a tutti! Come state? Da qualche giorno (da martedì 18) Mercurio ha ingranato la retromarcia e cominciato il suo primo moto retrogrado di quest’anno. Percorrerà a ritroso il segno dei Pesci arrivando anche a fare capolino sui gradi finali dell’Acquario. Poi il 10 marzo tornerà diretto, rientrerà in Pesci il 17 marzo e vi resterà fino all’11 aprile. Così facendo, avrà trascorso complessivamente in Pesci due mesi, un tempo lunghissimo per un pianeta solitamente veloce come Mercurio. 

Quando un pianeta compie il moto retrogrado, è come se volesse “insistere” per attirare la nostra attenzione sull’insegnamento di quel transito. In questo caso, parliamo del pianeta del pensiero in transito nel segno dell’intuizione, della visionarietà, della capacità di guardare il mondo cogliendone anche gli aspetti meno materiali. Sotto questo aspetto, i Pesci sono il segno della metafisica, della visione quantistica della realtà. Sono il calderone delle infinite opportunità (tutte compresenti in potenza) dalle quali tirarne fuori una per realizzarla in atto. 

In altre parole, i Pesci sono il segno dell’intelligenza intuitiva e della capacità di vedere oltre la realtà materiale delle cose. Del resto, come scrisse Shakespeare “ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante tu ne possa sognare nella tua filosofia”. Ci sono coincidenze e concomitanze difficilmente riconducibili al rapporto di causa ed effetti, ci sono nessi ed interconnessioni tra le cose (certi sprazzi di telepatia, ad esempio) che facciamo fatica a spiegarci in una logica strettamente causale ma che cionondimeno esistono.

Ecco, Mercurio in Pesci ci spinge proprio a guardare tutto ciò che può essere misurato, pesato, spiegato in modo “razionale”, e ad ascoltare anche la “pancia”, le intuizioni, le illuminazioni. Un insegnamento che assume polarità diverse a seconda dei segni e dei caratteri. Perché c’è chi lo fa troppo (perdendo talvolta di vista i dati di realtà) e chi lo fa troppo poco, con il rischio di perdere di vista il senso delle cose.

Prima di entrare nel dettaglio, però, in questo post, volevo approfondire un po’ questi moti retrogradi che portano i pianeti a percorrere il cerchio zodiacale “al contrario”. Naturalmente si tratta di un effetto “ottico”: il corpo celeste continua a precorrere la propria orbita intorno al Sole nello stesso verso, non c’è una reale inversione di marcia. Ma la Terra lo “supera” e, proprio come un’automobile durante un sorpasso, lo vede allontanarsi nello specchietto retrovisore. Ecco perché, da una prospettiva strettamente “terrestre”, sembra che il pianeta stia camminando all’indietro lungo la fascia zodiacale. E quindi anziché percorrere i gradi dei Pesci in senso crescente, da oggi in poi  lo farà in senso decrescente (al contrario), e in alcuni casi (ma non in questo) il moto retrogrado lo riporta persino nel segno precedente.

Benché si tratti di un fenomeno puramente “ottico”, il moto retrogrado dei pianeti dal punto di vista astrologico è un fenomeno di grande importanza. Soprattutto quello di Mercurio che solitamente produce effetti abbastanza “riconoscibili”. Vediamo perché. Quando un pianeta ingrana la retromarcia, inverte la direzione della sua “funzione” astrologica. Nel caso di Mercurio, pianeta del pensiero e della comunicazione, la mente tende a rivolgersi “all’interno” anziché trarre spunti e dati di realtà “dall’esterno”: tende di più all’introspezione, diventa più riflessiva e meno comunicativa. Qualcuno potrebbe avvertire il bisogno di starsene di più per i fatti suoi. Tutto ciò che ha a che fare con la comunicazione e lo scambio potrebbe subire qualche piccolo rallentamento, qualche progetto potrebbe slittare a metà aprile.

È un transito che tocca un po’ tutti, ma crea un clima di confusione soprattutto per segno come la Vergine, Sagittario e Gemelli, che se lo ritrovano rispettivamente in una lunga sosta di opposizione e quadratura fino all’11 aprile (con la sola eccezione della “parentesi” in Acquario dal 5 al 17 marzo). Questi segni potrebbero avere qualche difficoltà sul fronte della concentrazione, del pensiero e della comunicazione: potrebbero far fatica a mettere in ordine le idee, ad esprimere concetti con chiarezza e a farsi capire. Con Mercurio retrogrado in aspetto dissonante, è fondamentale non saltare subito alle conclusioni, chiedersi sempre “mi sto spiegando bene?” ma anche “sto capendo bene?”. In particolare, Vergine, Sagittario e Gemelli devono “rallentare” e fare attenzione a sviste o distrazioni. Attenzione anche ai “non detti”, a tutto ciò che viene taciuto (magari del tutto in buona fede) dando poi adito a sospetti o malintesi.

Al di là dei segni che se lo ritrovano in aspetto dinamico dissonante (che sono appunto la Vergine, i Gemelli ed il Sagittario), il moto retrogrado di Mercurio crea interferenze nella comunicazione un po’ per tutti i segni zodiacali. Anzi, è uno dei climi astrologici più facili da notare, con un “disturbo” simile a quello di un’antenna parabolica spostata dal vento. Immediatamente il segnale televisivo sfarfalla, salta qualche fotogramma, diventa più difficile seguire la trama del film. Con Mercurio retrogrado accade qualcosa di simile, e ci sono piccole accortezze che possono risultare utili per tutti. 

Ecco alcuni “effetti collaterali” da tenere presenti. 

  • possibili ritardi nelle risposte o rallentamenti nelle trattative
  • possibili difficoltà di comprensione (sia nel capire che nel farsi capire)
  • possibilità che una mail importante finisca nello spam
  • possibili ritardi negli spostamenti, cancellazione di treni o aerei, smarrimento bagagli
  • possibile malfunzionamento dei mezzi di trasporto
  • rischio di inviare messaggi ai destinatari sbagliati
  • problemi di connessione o di password
  • smagnetizzazione di tessere, bancomat e simili.
  • ritardi nei pagamenti in entrata
  • richiesta di pagamento di vecchi debiti
  • malfunzionamento di POS
  • discontinuità nei servizi amministrativi, postali e anagrafici
  • difficoltà a ricordare il PIN del bancomat
  • rischio di restare chiusi in ascensore
  • annullamento concerti (spesso per motivi non dipendenti dall’artista)
  • perdita di coincidenze di treni e aerei in viaggio
  • caduta di cellulare in acqua
  • problemi con impianto idraulico

 

Naturalmente stiamo scherzando, non è detto che accada nulla di tutto ciò. Più che altro, con Mercurio retrogrado tutto ciò che ha a che fare con la comunicazione o con lo scambio (quindi anche le attività commerciali) richiede un occhio di attenzione in più, tutto qua. E poi molte di queste situazioni partono da dentro. Accadono cioè perché con Mercurio retrogrado siamo noi a sentire una frenesia interiore che ci spinge a muoverci più frettolosamente, a fare mille cose insieme. E allo stesso tempo siamo noi ad essere più distratti, a mettere a fuoco più faticosamente le idee. E queste due cose insieme producono errori e contrattempi.

Durante la precedente “edizione” di Mercurio retrogrado in un segno d’acqua, a me cadde il cellulare dentro il water. E mi è sembrata una beffarda coincidenza che con Mercurio (pianeta della comunicazione) retrogrado in un segno d’acqua, mi cadesse il telefono proprio in acqua. Certo però che è difficile dare la “colpa” a Mercurio di una cosa del genere…piuttosto la colpa era mia, che tenevo il cellulare tra l’orecchio e la spalla mentre ero impegnato a fare altro. Certo poi alcune “coincidenze” legate al retrogrado di Mercurio in ambiti al di fuori del nostro campo di influenza (treni, coincidenze, smagnetizzazioni, ritardi) sono innegabili e del tutto sbalorditive. 

Sul fronte interpersonale, poi, le interferenze toccano soprattutto la sfera del dialogo e della comunicazione. Con Mercurio retrogrado bisogna porsi continuamente la domanda: “mi sto facendo capire?”. Guardando il valore simbolico dei transiti, il retrogrado di Mercurio è un appuntamento che ci invita a rallentare un po’, a riflettere di più, a porci domande e darci risposte. Spesso infatti andiamo avanti a tutta velocità, entriamo in un loop di impegni gestiti in modo “automatico”, e rischiamo di perdere di vista il senso di una visione più larga delle cose.

In questo senso, rappresenta una sorta di “pitstop del pensiero”, come una pausa nel Gran Premio per controllare acqua e pressione delle gomme. E molto spesso, a posteriori, ci rendiamo che le idee migliori, le intuizioni vincenti, ci sono venute in mente proprio durante il moto retrogrado di Mercurio. Perché la mente rallenta, assume una velocità meno frenetica, e siamo in grado di dialogarci meglio: smettiamo di caricarla di input, di metterla alla prova continue prove e scadenze, e ascoltiamo di più cosa ha da dirci.

Buon Mercurio retrogrado a tutti!
Con amore,
xxx
S*

ACQUISTA ORA IL LIBRO SU AMAZON O IBS (COPIA AUTOGRAFATA)

LEGGI ANCHE:

comments

Bollettino del Cielo