FACCIAMO L’UPGRADE!

goldfish jumping out of the water

Ciao a tutti! Come state? Io tutto bene anche se ho iniziato la scrittura del nuovo libro e – mamma mia! – quanto è difficile agli inizi dare forma e sostanza alle idee, mettere “a terra” ciò che galleggia nel cielo dell’ispirazione.

Mettere a terra è una sfida difficile, sempre, perché idee e ispirazioni vengono da un diverso piano esistenziale. Se ne accorge il poeta, quando deve tradurre i suoi stati d’animo utilizzando solamente 21 lettere. Se ne accorge lo scultore, quando deve liberare le proprie ispirazioni dalle asperità del marmo. Mi torna in mente Modigliani, che si sognava scultore ma non aveva la prestanza fisica e si dovette “accontentare” di dipingere (regalandoci peraltro dei capolavori assoluti): i suoi “colli” plastici sono la testimonianza della fatica di un artista che scolpiva con i pennelli.

E in effetti, sono andato a guardare il cielo in cerca di una spiegazione a questo senso di fatica, e mi sono reso conto che già da qualche tempo è attivo un potente trigono di terra tra Mercurio in Toro, Giove in Vergine e Plutone in Capricorno.

L’elemento Terra è proprio l’elemento del FARE, del realizzare, del mettere a terra. Del piegare la materia affinché possa fornire il ventre e la culla alle idee (Aria) e alle ispirazioni (Fuoco), che senza la terra galleggerebbero nel purgatorio della sola potenza e non diverrebbero mai “atto”.

È un trigono che coinvolge Plutone, e quindi parliamo di un fare che si propone di portare a terra ciò scorre nelle profondità dell’essere. Plutone è la lava che ribolle dentro di noi, la materia prima dei nostri desideri più veri e profondi. Il fare di Plutone è l’indomabile bisogno di essere se stessi, e di riflettere questa affermazione attraverso i progetti e le attività che costituiscono la vita.

È un trigono che coinvolge Giove, pianeta della crescita e dell’espansione, che immette nuovi contenuti, che risveglia interessi e talenti sopiti. Insomma, è nuovo software in grado di far compiere alla nostra macchina nuova operazioni. E tutto questo circolo di energie di terra è innescato dal Sole, fino ad oggi in Ariete, segno dell’iniziativa e dell’intraprendenza, e da oggi in Toro, paladino per eccellenza della concretezza e del fare.

Questa potente coreografia planetaria stimola in tutti noi (a prescindere dal segno) un potente desiderio di rimetterci in moto, di agire e di progredire nella direzione della nostra persona affermazione.

Ma affinché questo Viaggio verso noi stessi possa realmente partire, allo slancio creativo dell’ispirazione deve seguire un agire concreto, una linea di azione e di dedizione che a volte è difficile da individuare e faticosa da seguire. La posta in gioco è molto alta, perché questo trigono fornisce una potente opportunità per riportare la vita in carreggiata soprattutto a chi sente di essere ingabbiato in attività lavorative che non gli consentono realmente di esprimersi.

Ma per tutti noi, anche per chi si sente in carreggiata, è un trigono che spinge a creare fondamenta più solide e profonde sulle quali edificare i prossimi passi di crescita e di avvicinamento al proprio centro. Perché il transito del Sole in Ariete ci ha risvegliati e resi tutti simbolicamente “bambini”, desiderosi di fare, di scoprire e di conquistare, di metterci in gioco, di rimettere tutto in discussione. Mentre il successivo transito in Toro ha spinto ognuno di noi a cercare il modo per dare sostanza e concretezza a questo desiderio di rilancio.

Insomma, è un cielo che porta aria di cambiamento e di progresso nel cielo di ognuno di noi. Lo possiamo vedere nelle piccole quotidiane sfide, nei bivi che ci spingono a scegliere una strada più faticosa ma più vicina a noi stessi, abbandonando una strada più sicura che però finirebbe per allontanarci dai nostri desideri più profondi.

Insomma, un cielo che ci spinge a fare l’aggiornamento del sistema operativo (Mercurio) e potenziare il firmware integrato alla macchina (Plutone) in modo da poter far girare programmi più complessi ed evoluti (Giove) ed ottenere una macchina più performante, in grado di sostenere le nostre iniziative di crescita! Chissà, forse questa metafora informatica mi è venuta in mente perché trascorro 12 ore al giorno davanti al computer. Sia come sia, mi sembra efficace ahhahahha 🙂

Un abbraccio a tutti!
A dopo! 🙂
xxx
S*

comments

Bollettino del Cielo