LEZIONE N. 1: I PIANETI – IL SOLE E LA LUNA

12744326_456392844551361_6223128945941191684_n

Ciao a tutti! Entriamo nel vivo dell’ABC della grammatica astrologica: i pianeti. Sono loro i protagonisti della scena. Nei prossimi post cercheremo di mettere a fuoco il “cuore” simbolico di ciascun pianeta, anche se ciascun pianeta ha uno spettro poi talmente largo di significati che non si finisce mai di approfondirli abbastanza.

Iniziamo dicendo che ciascun pianeta rappresenta una determinata funzione psicologica in quel vasto planetario che è la coscienza umana. Alcuni pianeti (i più vicini al Sole) rappresentano le funzioni-base (l’intelligenza, la capacità di relazione), altri (man mano che si allontanano dal Sole, centro simbolico dell’identità individuale) rappresentano via via funzioni più orientate alla sfera interpersonale, collettiva e universale, in una sorta di “governo” dove ogni pianeta ha la delega per una determinata funzione.

Cominciamo lo studio di questo Governo Planetario, naturalmente, dal Sole, il centro del sistema Astrologico tanto quanto lo è del sistema Astronomico. Il Sole, nel tema natale, è l’unico elemento che emana una luce “propria”; gli altri pianeti in qualche modo vengono colpiti dalla luce del Sole e ne rimandano indietro una particolare tonalità. Allo stesso modo, gli altri pianeti (con la sola eccezione della Luna) agiscono proprio come i ministri: per delega del Sole. La linea di governo viene sempre e soltanto dal Sole, e non potrebbe essere altrimenti, dal momento che il Sole, al centro del sistema, rappresenta l’IDENTITA’ della persona, lo “io sono”, il senso, lo scopo, e la volontà di ogni tema. Il Sole rappresenta è il pilota del “viaggio dell’eroe” di ciascuno di noi verso l’affermazione di ciò che siamo, la convergenza di Essere, Voler Essere e Poter Essere.

La posizione del Sole – calcolata per il momento e nel luogo della nascita – rappresenta il Segno Solare di una persona, il punto di partenza per la costruzione di un qualsiasi tema natale. Questo è un elemento talmente importante nell’impalcatura del tema natale che molte persone conoscono solo questo dato: quando si dice “sono del Leone” o “sono del Toro” significa che il Sole al momento della nascita transitava nel segno del Leone o del Toro, ed è in quella posizione che troveremo il “pianeta Sole” nel tema natale di quella persona.

Il “tema di nascita” (o “tema natale”, o “carta astrale”) è una fotografia del cielo al momento della nascita, con la posizione di tutti i pianeti nei vari segni e nelle varia case (delle quali parleremo in seguito). Come dicevo nel precedente post, sono posizioni calcolate sulla base delle effemeridi astronomiche e quindi hanno una rilevanza almeno parzialmente scientifica. Almeno in parte perché un astronomo, pur condividendo pienamente le posizioni dei pianeti descritte da un tema di nascita, non attribuisce loro il senso simbolico che invece l’astrologia ne ricava.

Ma torniamo al Sole: abbiamo detto che è il senso di Identità di ciascuno di noi, il Pilota del viaggio dell’eroe che ognuno di noi compie verso la propria “centratura”. La posizioni del sole in relazione agli altri pianeti e ad altri elementi del tema ci dice tantissimo sul senso di identità di quella persona, sulla sua forza di volontà e sulla sua capacità di agire, e tantissimo altro che vedremo.

Per tornare all’immagine del “governo planetario”, se il Sole è  il Presidente del Tema Natale (il “Re“), la Luna è indubbiamente la “Regina” che gli siede accanto e si fa interprete dei bisogni e delle esigenze del “popolo”. A “lei” è affidato il più importante e complesso dei “ministeri”: il Ministero delle Emozioni. Poi vedremo che gli altri pianeti sono veri e propri “ministri” cui è affidata una specifica funzione in questo “governo planetario” del quale il Sole e la Luna rappresentano il vertice.

La Luna si alterna al Sole nella loro funzione di governo. Mentre il Sole governa di giorno, la Luna prende il suo posto di notte, nel tempo dedicato agli affetti e al lato più emotivo e onirico della vita. La luna è il “luminare” notturno, illumina il cielo di notte dopo che il tramonto ha oscurato il sole. Ma fa di più… ci “racconta” e ci “spiega” il sole. Avete mai provato a guardare in modo diretto il sole in pieno giorno? È impossibile comprenderne forma e dimensione, ne resteremmo accecati. È la luna con le sue fasi a costruire giorno dopo giorno un’immagine esattamente identica a quella del sole nel cielo notturno, grazie ad una incredibile coincidenza. La luna è infatti circa 400 volte più piccola del sole, ma anche 400 volte più vicina alla Terra, e questa coincidenza rende il disco solare ed il disco lunare identici nel cielo.

Nella tradizione, il Sole illumina con la sua progettualità il mondo”diurno” del “lavoro nei campi” (associato al maschile), mentre la Luna con la sua capacità ricettiva illumina quello della notte, dei sogni, dell’amore, dei sentimenti (associato al femminile). Sono, naturalmente, associazioni che derivano da un’epoca nella quale i cicli di vita erano scanditi unicamente dal sole e dal avvicendarsi del giorno e della notte, ma contengono un’importante verità simbolica. 

Parlo volutamente di “maschile” e di “femminile” e non di “uomo” e “donna” perché il “maschile/femminile” e’ un binomio funzionale che si ritrova sia negli uomini che nelle donne, in proporzioni ovviamente diverse da persona a persona, in modo quasi indipendente dal genere e dal sesso. Il Sole e’ l’astro del principio maschile affermativo/volitivo (e come vedremo ha un forte legame con Marte) mentre la Luna e’ l’astro notturno del principio femminile/emotivo (e proprio per questo ha un forte nesso con Venere).

Così come la luna “fisica” ci svela forma e dimensione del sole, anche nel sistema astrologico la “Luna” rappresenta ciò che mette in relazione il Sole (Spirito) con il corpo: quell’entità difficile da cogliere a fondo che si definisce “Anima”. Mettiamola così: il Sole astrologico è un frammento del Sole universale, che si stacca dalla “base” e nasce dentro una persona. È puro spirito divino che si fa uomo. Proprio perché appartiene ad un altro piano di esistenza (quello divino appunto) non “dialoga” facilmente con il piano terreno. È la Luna astrologica (che rappresenta appunto l’Anima) che mette in relazione i due piani, che traduce lo stimolo in azione. È quel collegamento misterioso che fa sì che le indicazioni del Sole possano diventare “deleghe” impartite ai vari Ministri e quindi “azione”. Mettiamola così: il Sole fornisce lo stimolo “spirituale”, la Luna lo coglie, lo interpreta e stimola una reazione (o meglio una “e-mozione”) che si traduce sul piano materiale in una “azione”. In questo senso, il Sole e la Luna sono due lati della stessa medaglia, due elementi di un sistema binario dove l’uno non potrebbe “funzionare” senza l’altro. Il Sole più orientato alla costruzione del progetto di vita e alla sua concreta attuazione (insieme a Marte); la Luna più attenta ai bisogni, agli equilibri interiori dell’emotività e alla sua espressione tramite i rapporti interpersonali (insieme a Venere).

Sul Sole e la Luna torneremo più volte perché non è possibile esprimerne tutti i molteplici significati assieme, proprio perché è forse il più sfuggente, complesso e sfaccettato pezzetto del puzzle. Per il momento è sufficiente esprimere il rapporto strettissimo che li lega: il Re e la Regina, il giorno e la notte, lo Ying e lo Yan. E se pensiamo che quando su un emisfero è giorno sull’emisfero opposto è notte, ma la Terra resta sempre un unico pianeta dove sono presenti al contempo sia il giorno che la notte (seppur in zone diverse) possiamo comprendere come Sole e Luna non siano due entità distinte, ma solo due differenti manifestazioni dell’essere sempre e necessariamente presenti, e che l’uno non avrebbe senso nella nostra esperienza senza l’altro. Per questo motivo li ho voluti introdurre insieme, prima di passare a esaminare i vari “Ministeri”!

comments

A lezione di Stelle