OROSCOPO 2016 – SAGITTARIO

Oroscopo2016 SAGSAGITTARIO

Il tuo segno ha un oroscopo per il 2016 che molti astrologi definiscono “pesante” o addirittura negativo. A me non piace questo tipo d’impostazione, perché non esistono cieli negativi. Esistono piuttosto cieli che richiedono impegno e che ti spingono a riportare ordine nella tua vita.

E’ così che andrebbero letti i transiti del tuo nuovo cielo, iniziato nell’autunno del 2015: come una preziosa occasione per riportare l’ordine nella tua vita. E per comprendere in cosa consisterà questo nuovo ordine, è bene fare un passo indietro e parlare del “dis-ordine” che negli ultimi anni ha scombinato alcuni punti fermi della tua vita.

Tutto inizia nel biennio 2011/2012, durante il quale molte cose sono cambiate. Giove in opposizione e Nettuno in quadratura hanno portato confusione e soprattutto difficoltà di prenderti cura dei tuoi interessi. Spesso è stata “colpa” di un eccesso di fiducia verso gli altri, specialmente verso chi non lo meritava per niente. Certo, i “segnali” erano lì intorno a te ma talvolta li hai ignorati, perché il tuo segno è strutturalmente incline a pensare “bene” e ad essere in buona fede. Sei stato forse troppo disponibile, hai tenuto bassa la guardia, e a volte sei stato saccheggiato e depredato di energie, meriti, riconoscimenti e – perché no – anche soldi.

Conosco tantissimi esempi di queste dinamiche di scarsa “auto-protezione”, ma potrei sintetizzarli in due categorie: alcuni si sono visti privati dei meriti dei loro sforzi lavorativi, laddove ovviamente qualcun altro se n’è appropriato relegandoli ad un ruolo di secondo piano se non addirittura di “ghost-writer” senza dignità di “firmare” i frutti della loro creatività. Relegati in un angolo buio, fuori dal riflettore dei conoscimenti che gli sarebbero spettati. Altri invece si sono visti accusare e penalizzare per qualche piccola o grande “malefatta” di qualcun altro, che senza troppi scrupoli o complimenti gliene ha scaricato addosso la colpa.

Quello che è importante mettere a fuoco qui, nel tuo oroscopo, è che quella naturale inclinazione del tuo segno a dare fiducia e a concedere indulgenza al prossimo è salita di giri e ti ha fatto perdere di vista il focus dei tuoi interessi. Ed è proprio il “dis-ordine” sul quale questo nuovo cielo del 2016 punta il dito. Specialmente la prima metà dell’anno, con Saturno nel segno e con Giove in quadratura, ti insegna proprio a guardarti meglio le spalle, a passare in rassegna ciò che fa parte della tua vita per decidere chi merita di salire sull’Arca della tua nuova vita e chi invece merita di rimanere a terra. Un sagittario meno indulgente e più selettivo, che non si lascia più incantare dalle promesse del Gatto e la Volpe. E’ un cielo che ti spinge a riprenderti ciò che ti spetta e – al contrario – a rimandare al mittente ciò che non ti appartiene.

Più in generale, poiché il vero “protagonista” del tuo cielo del 2016 è Saturno nel segno, spenderei due parole sul transito di questo grande maestro di crescita che spesso fa più paura del dovuto. Saturno è sinonimo di “struttura“, ed è proprio questo che fa quando transita nel proprio segno solare: crea strutture più solide a sostegno dell’identità e del senso del sé.

Gli effetti del transito cambiano molto a seconda di ciò che Saturno “trova” al suo arrivo.

La prima forma di struttura dell’identità è l’indipendenza, o meglio la non-dipendenza. Questo significa che al suo arrivo Saturno tende a dichiarare guerra a tutte quelle forme di dipendenza che impediscono a ciascuno di noi di essere libero. E anche le forme di “dipendenza” possono essere molte: dipendenza da persone, cose, abitudini, insicurezze; dipendenza da una relazione che non consente la libera espressione della personalità, dipendenza da un lavoro che non appaga. Ma anche dipendenze da un’insicurezza che non consente di fare un passo o di ascoltare un bisogno interiore. O, nel caso del tuo segno, dipendenza dalla difficoltà di stabilire confini definiti; di dire “si” quando è si e soprattutto “no” quando è no, o di valutare cose e situazioni con obiettività tenendo in considerazione le tue esigenze e il tuo benessere.

Saturno nel segno significa quindi una maggiore capacità di mettere paletti e confini. Maggiore lucidità nel passare al vaglio le persone che fanno parte della tua vita in base all’affidabilità e alla solidità che riescono a esprimere nelle situazioni di necessità. Questo diventa (finalmente, aggiungerei!) un importante criterio di selezione di chi “conservare” e di chi “scartare”. Sia nel lavoro che nei rapporti personali, inizia un lavoro di pulizia del campo: gli “inaffidabili” e in fanfaroni possono tranquillamente restare fuori dall’inquadratura della tua nuova vita. Pochi ma buoni è meglio di tutti insieme appassionatamente. E piano piano ti renderai conto che questa pulizia, insieme a tante altre scremature che farai nella vita, rappresenta un altissimo atto d’amore verso te stesso.

Ecco, l’amore verso se stessi e verso chi davvero lo merita rappresenta una bussola che guiderà molte tue scelte sotto questo nuovo cielo che ti vuole più centrato, più a fuoco, più allineato a te stesso. Per questa ragione, se nella tua vita ti metti troppo da parte e deleghi a qualcun altro il compito di darti sicurezza, probabilmente il transito di Saturno ti potrebbe spingere a recuperare lo scettro del tuo regno interiore; a rivedere certe dinamiche – soprattutto legate alla coppia – che ti portano più o meno consapevolmente a dire “io valgo perché ci sei tu accanto a me”. Questa alle orecchie di Saturno suona come un’eresia e può darsi che alcune relazioni richiedano un ripensamento. Perché il compito di Saturno è di riportare i punti di riferimento principali all’interno e non all’esterno di noi stessi. Se quelli interiori sono sufficientemente solidi, quelli esterni non temono nulla. Ma se quelli esterni fungono da stampella, da impalcatura per sostenere l’edificio allora Saturno interviene per rimettere a posto le cose.

Saturno ti porta più vicino a te stesso, a conoscere e (ri)scoprire le corde più profonde del sé, riportando a galla il tuo talento più vero. Emerge giorno dopo giorno un’immagine diversa; inizia a lavorare da dentro una nuova consapevolezza di ciò che fa o che non fa più per te. E naturalmente questa maggiore chiarezza negli occhi e nel cuore potrà orientare molte scelte del tuo futuro più prossimo. Finora ho messo in luce l’aspetto di “pulizia” di ciò che non fa più parte di questa nuova immagine, ma nel corso di quest’anno emergeranno anche nuovi lati del talento e della creatività.

La prima parte dell’anno è senza dubbio la più faticosa, con Saturno nel segno e Giove in quadratura che ti spingono a stringere i bulloni della struttura ed eliminare le falle del sistema. Il primo bullone da stringere bene è quello della concretezza e del realismo. In passato, un’incrollabile fede negli ideali e nell’onestà del prossimo ti ha portato a fare passi più lunghi della gamba o a gettarti a capofitto in imprese rischiose. Ora è tempo di verificare scrupolosamente le condizioni di un accordo, l’affidabilità di un interlocutore. Di leggere con attenzione le controindicazioni e gli effetti collaterali. Il secondo “bullone” è senz’altro quello economico e finanziario, per risanare gli squilibri degli ultimi anni.

Tutto questo ti sarà di grandissima utilità quando ti affaccerai in una seconda metà dell’anno molto più ricca e stimolante. Lo spartiacque è settembre, quando Giove lascia la puntigliosa quadratura e forma un bellissimo sestile dalla Bilancia. Da quel momento, Giove e Saturno cominciano a cooperare in modo più costruttivo. Desideri, speranze, idee e ispirazioni tornano a volare alti, corroborati dal realismo e dalla concretezza di Saturno. Il primo introduce nella tua vita nuove occasioni e proposte, il secondo le rende concrete e solide, evitando che brucino come fuochi di paglia. Questa seconda fase dell’anno è all’insegna dell’avventura realistica e del sogno consapevole, due splendidi ossimori che rappresentano i pilastri della ricostruzione.

Anche in amore, il tema forte dell’anno è la conquista d’importanti traguardi di crescita che danno grandissima soddisfazione ma che contemporaneamente pongono nuove responsabilità più “adulte”. Alcuni nati del segno sono freschi di matrimonio; altri ancora hanno ricevuto la visita della cicogna o la riceveranno nel corso dell’anno. In generale, è un cielo tutto nuovo, pieno di grandissime emozioni. Dopo l’iniziale euforia iniziano ora a mettere a fuoco che la loro vita è cambiata. Che sono diventati “grandi”.

I cuori solitari di ogni età – anche i meno giovani – senza quasi rendersene si rimettono in cammino verso la vita o rimettono in gioco il cuore. Nella scelta di un possibile nuovo partner si diventa più selettivi: ci vuole qualcuno che sia in grado di comprendere e condividere il tuo momento. Che non ti zavorri in una routine soffocante ma che sappia essere un compagno di viaggio e di esplorazione. Che rifletta la tua immagine attuale, e cioè un bellissimo mix di curiosità e saggezza, di voglia di vedere il mondo ma anche di gettare l’àncora.

Insomma, a me non sembra affatto un anno “brutto” o “pesante” (per utilizzare il gergo che leggo in tanto oroscopi), quanto piuttosto un anno di riordino e di riequilibrio. Saturno non è buono o cattivo: è semplicemente un “orologio” che segna il tempo della crescita. Non è “lui” a far paura, ma è “diventare grandi”. Chi ha letto “IT” di Stephen King ricorderà che le stesse paure si ripropongono ciclicamente nella vita, proprio in quei momenti di crescita in cui la vita cambia, quando ci si lascia alle spalle una pelle che ormai ha fatto il suo tempo e ci si prepara ad indossarne una nuova. Ed è esattamente ciò che questo nuovo cielo ti spinge a fare: diventare grande. 

(da “L’Oroscopo 2016 di Simon & The Stars”
Per saperne di più clicca QUI)

comments

Oroscopo