TORO: OROSCOPO MENSILE – NOVEMBRE 2016

8924798_s

TORO

A novembre attraversi quella fase cruciale che io chiamo “anti-compleanno” e che rappresenta il punto centrale e culminante del viaggio intorno all’anno iniziato sei mesi fa circa, all’epoca del tuo compleanno. Iniziamo dicendo che il termine “anti” non ti deve spaventare perché non significa “contro”, nient’affatto. “Anti” come “antipode” del compleanno, esattamente dall’altro lato dello Zodiaco. “Anti” nel senso che ciò che al compleanno era solo un “seme”, ora giunge a metà del suo ciclo di maturazione e mostra il “fiore” di un’immagine più chiara e definita.

Se sai esattamente cosa ha seminato, se nei sei mesi scorsi ti sei preso cura dei tuoi progetti e delle tue iniziative, ora dovresti vedere che i tuoi sforzi stanno convergendo nella giusta direzione. Questa è la fase della fioritura delle prime conferme che stai camminando nella giusta direzione, ed è il preludio di frutti e soddisfazioni.

Ancora: l’anti-compleanno è uno specchio che ti consente di vedere senza filtri la tua immagine in evoluzione. In che direzione stai andando? Come stai cambiando? Cosa stai diventando? Cosa invece non vuoi più essere? È l’occasione per passare in rassegna le “cose” (che si tratti di progetti lavorativi, iniziative personali o relazioni interpersonali) che costellano la tua vita, selezionare quelle che realmente sono intonate a questa nuova immagine di vita e individuare quelle che, al contrario, sono lineamenti di una vecchia immagine che sbiadisce. I prossimi mesi saranno forti di una nuova consapevolezza (frutto di questo momento così intenso del tuo personale anno), e sarà il momento di puntare al massimo sulle prime e di lasciarsi alle spalle le seconde.

E’ tempo, quindi, di guardarsi allo specchio e di riconoscersi in ciò che fai, nelle relazioni che costellano la tua vita, nelle attività in cui si esprime la tua indole creativa. Soprattutto sotto i potenti raggi della Luna Piena del 14 (che cade, guarda caso, proprio nel segno del Toro) e che rappresenta per te un potente specchio emotivo. Ciò che è fedele alla tua immagine interiore, ciò che rispecchia realmente la tua indole, ti commuove fino alle lacrime. Ciò che non ti rappresenta più, ciò che cerca di riportarti indietro a un passato dal quale stai prendendo una distanza, ti fa “incazzare” più che mai. Mi perdonerai il termine colorito, ma avevo bisogno di un termine che fosse in grado di rendere la potenza di questa Luna Piena che non a caso definisco “mannara” perché ha il potere di trasformarti in te stesso. Come dicevo, è uno “specchio emotivo” e le emozioni non mentono. Di giorno, infatti, alla luce del Sole e dell’identità cosciente, alcune cose ce le aggiustiamo un po’, ce le facciamo andar bene anche per compiacere il nostro senso del dovere e delle responsabilità. Nulla di male, per carità, ma la luce notturna della Luna è molto più veritiera: la lacrima di commozione, il groppo in gola o il nodo allo stomaco non mentono mai.

I progetti, le relazioni e le iniziative di vita che realmente corrispondono alla tua immagine interiore, e le consentono di esprimersi, restano in valigia anche nella seconda parte del viaggio, la più importante, che avrà luogo nei prossimi sei mesi. Ciò che invece è disallineato dalla tua immagine non c’è più motivo di portarlo con te. È una luna che ti prepara a rimboccarti le maniche e tagliare tra fine novembre e metà dicembre i rami secchi di ciò che non ti rappresenta più. La prima metà del 2017 sarà un’importante arena che ti consente di affermare e consolidare traguardi importanti: devi seguire un filo coerente e puntare sui cavalli giusti, eliminando dispersioni di tempo ed energia. Questa Luna, che mostra il tuo lato più vero, può esserti di grande aiuto per capire quali siano i “cavalli giusti” per te in questo momento.

Naturalmente, lo fa mostrandoti anche (e soprattutto) ciò che non va, o tirando fuori lati di te che gli altri fanno spesso fatica a riconoscere. Per questa ragione, può portare momenti di tensione con i colleghi e ancor più con i tuoi superiori, anche perché in questo periodo potresti tollerare con maggiore difficoltà le interferenze o l’autorità altrui. Potresti essere portato a “strafare” per dimostrare chi sei a quanto vali. I rapporti con i soci o i collaboratori, per chi svolge un’attività indipendente, potrebbero essere più tesi del solito perché potresti avere l’impressioni che siano più in grado di comprenderti e di cogliere il senso delle tue idee, o che non ti “somiglino” affatto (“ma come ho fatto a sceglierti?” potresti ripeterti con una certa frequenza). In realtà, si tratta di un transito che amplifica molto le divergenze tra te e gli altri perché ha il senso di mostrarti la tua unicità: è normale che il resto del mondo ti appaia clamorosamente diverso da te. Fanne tesoro, ma non agire d’impulso, perché già dalla fine del mese molte distanze potrebbero apparirti meno marcate e soprattutto essere rielaborate costruttivamente.

Anche per il cuore, l’anti-compleanno rappresenta soprattutto per le coppie in crisi o per quelle agli inizi un importante “tagliando di verifica”. Chi nei mesi scorsi ha iniziato una relazione a distanza, per scelta o perché è stato il lavoro ad allontanare uno dei due, inizia a sentire la mancanza di una presenza concreta e costante. Chi vive una relazione complicata sul lavoro, potrebbe scontrarsi con i primi fastidiosi sguardi ammiccanti dei colleghi o del capo. Tantissimi potrebbero essere gli esempi, moltissime le declinazioni degli effetti di questo cielo a visibilità accentuata. Per coglierne il senso simbolico, basta dire che si tratta di un cielo che spinge a “scegliersi” nuovamente e confermarsi una promessa. Se ci si somiglia ancora, ci si sceglie con più forza e determinazioni. Altrimenti si cominciano a vedere alcune divergenze sulle quali lavorare nei prossimi mesi allo scopo di riavvicinarsi, o di rendersi conto che è giunto il momento di prendere strade separate.

In molti casi, potresti avere la sensazione che lavoro e sentimenti si sfidino e s’intralcino a vicenda. C’è chi non riesce a dedicare il tempo che vorrebbe a una relazione neonata. Chi sta organizzando un lieto evento si trova spesso a fare i salti mortali per dividersi tra lavoro e lista degli invitati. Anche qui, cogliamo il senso simbolico della cosa: quando siamo sul lavoro, o su attività/hobby/interessi personali siamo nella tua sfera personale (siamo in “Prima casa”, per usare un linguaggio astrologico). Quando c’è di mezzo il partner siamo in una sfera interpersonale (o nella “Settima casa”). Il cielo di novembre mette in risalto il rapporto tra queste due “sfere” per spingerti a trovare il giusto contemperamento tra i due “poli opposti”. Se sono interamente concentrato su me stesso, addio relazione. Se sono interamente proiettato sulla relazione, addio me stesso. Ognuno di noi trova il proprio “giusto equilibrio”: per carità, ci s’impiega un’intera vita, ma i transiti di novembre e dell’anti-compleanno rappresentano uno stimolo importante per riflettere su questo importantissimo e delicatissimo tema. E’ chiaro che, come dicevo all’inizio, sono soprattutto le relazioni alle fasi iniziali e quelle che scricchiolano a risentire di queste riflessioni, perché le coppie “solide” e strutturate poggiano su un equilibrio ormai consolidato tra questi due poli opposti. Hanno già fatto, per così dire, il “lavoro sporco”. Per i cuori solitari, il cielo della prima metà di novembre può regalare qualche passione passeggera, ma per chi pensa in grande e vuole di più, qualcosa non convince fino in fondo. Molto meglio nella seconda metà del mese.


IL NUOVO LIBRO DI SIMON E’ IN FINALMENTE LIBRERIA!
DISPONIBILE SU >>IBS<<>>AMAZON<< E IN TUTTE LE LIBRERIE E STORE ONLINE!


comments

Oroscopo