ARIA DI CAMBIAMENTO NELLA CORONA INGLESE!

ARIA DI CAMBIAMENTO NELLA CORONA INGLESE!

Come tutti sappiamo, ieri con la Luna Nuova è nato il nuovo Royal Baby. Non sappiamo ancora il suo nome, ma per noi ormai è “Poretto”, come è stato ribattezzato dal grande Lorenzo Farina su “Baby George Ti Disprezza“. Però non me ne voglia Baby George, ma “Poretto” ha molta più regalità di lui nel tema di nascita. O meglio, ha tutta una serie di elementi astrologici che si tramandano da generazioni nella corona inglese. La prima, quella che salta per prima all’occhio, è la stretta congiunzione di Saturno al Medio Cielo. Non solo è presente praticamente in tutti i regnanti di rilievo degli ultimi secoli, ma la sua assenza è stata la prima circostanza che mi è saltata all’occhio nel tema di nascita di Baby George. Saturno in Decima casa congiunto al medio cielo è autorevolezza, senso delle radici e delle tradizioni, rispetto dell’etichetta e del decoro. È quanto di più british e quanto di più regale si possa immaginare. Ma c’è un “ma”. Ha Urano, pianeta del progresso e delle grandi rivoluzioni, vicino al Sole e all’ascendente in Toro. E forma una quadratura “dissociata” (cioè, tra pianeti ospitati da segni che di per sé non sono in quadratura) con l’ormai celeberrimo Saturno in Decima casa, marchio di fabbrica del sistema regale britannico. 

Questo significa che potrebbe avere l’autorevolezza, il carisma ed il rispetto necessari ad introdurre un cambiamento radicale, che non suoni però come un aberrante attacco alla Corona. D’altro canto, il solo fatto di avere una mamma americana divorziata e di essere il primo principe inglese con la cittadinanza statunitense accanto a quella britannica rappresentano una rivoluzione non da poco. E probabilmente le rivoluzioni non si fermeranno a questa circostanza. Anzi probabilmente sarà davvero un fattore dirompente nel sistema inglese, molto più di quanto la mamma se ne renda conto in questo momento. O almeno questo è ciò che mi suggerisce la posizione della Luna nel tema del piccolo principe. 

Anche il suo Sole ed il suo ascendente (entrambi in Toro, entrambi vicini ad Urano) confermano questa stessa apparente contraddizione: il nuovo arrivato esprime solidità e stabilità, ma allo stesso tempo (o forse proprio per questo) potrebbe essere la testa d’ariete per un grande cambiamento. Da questo punto di vista, il suo tema di nascita ha molto in comune con quello della mitica nonna Elisabetta II. Anche lei Toro ai primissimi gradi, in quella zona di confine dove la concretezza del Toro risente ancora dell’energia prorompente e combattiva dell’Ariete. Anche lei ha Mercurio in Ariete, grazie al quale pur con il suo garbo ineccepibile, pur con classe ed eleganza, non ha peli sulla lingua e dice ogni cosa dritto per dritto. Qualità che, con tutta probabilità, avrà anche il nuovo membro della famiglia reale. 

I rapporti con i genitori saranno fluidi e amorevoli, ma sono propenso a credere che andrà più d’accordo con il padre Henry che con la mamma Megan. Non tanto durante l’infanzia, che sarà probabilmente molto armoniosa, quanto piuttosto quando sarà più grande e si troverà a confrontarsi con i rispettivi caratteri e, forse, anche con le posizioni che incarnano. Perché anche in questo senso il suo “ruolo” sarà quello di integrare un fattore dirompente in un sistema classico ai limiti della rigidità. E lo farà talmente bene che potrebbe essere il primo membro della famiglia reale ad avere un ruolo importante di governo pur essendo così lontano dal trono nella linea di successione. 

Probabilmente, sarà anche fautore di una nuova apertura del sistema inglese al resto del mondo. Un sistema che al momentooscilla tra due estremi opposti. Da un lato, quello della Brexit. Quello dell’atteggiamento inglese-centrico per cui se c’è nebbia sulla manica, l’Europa (e non la Gran Bretagna) resta isolata. Dall’altra, quello colonialista dell’Inghilterra a capo di un impero che si estende da orizzonte ad orizzonte. Chissà che con lui non si realizzi una piena integrazione del sistema inglese nel sistema mondo, che non sia “comando io” ma che non sia neanche “me ne sto per conto mio”. 

Staremo a vedere, nel frattempo non ci resta che fare gli auguri al nuovo arrivato e a tutta la sua famiglia. E sorprenderci di quanto un tema di nascita sia come la Stele di Rosetta per la comprensione delle lingue antiche: una volta compreso l’alfabeto, ci “racconta” tantissimo. 

Un abbraccio a tutti.
A dopo! 🙂
xxx
S*

comments

Astro-Curiosità