IL TUO FILM PER IL 2018: CAPRICORNO (“CIELO D’OTTOBRE”) – PARTE 2

IL TUO FILM PER IL 2018: “CIELO D’OTTOBRE” (PARTE 2)

Eravamo rimasti a Plutone, che nel 2008 è entrato in Capricorno e ha creato un bel po’ di smottamenti. Alcuni nati del segno hanno compreso con chiarezza (forse per la prima volta) quale fosse la loro vocazione di vita. Altri si sono resi conto di aver perso di vista il proprio “grande progetto” e di marciare senza una direzione ben precisa. In ogni caso, dal 2008 il Capricorno ha aperto gli occhi ed ha ricominciato a cercare la vetta della propria realizzazione. In molti casi, si tratta di una vetta lavorativa, anche perché per il Capricorno la realizzazione professionale ha un ruolo importante. Ma in molti casi si tratta di qualcosa di più profondo, di un vero e proprio “cambio di vita” allo scopo di renderla più somigliante ad una nuova immagine interiore di cui Plutone dal 2008 ha iniziato a svelare i lineamenti.

Da lì è partita una scalata verso la vetta, una scalata che negli scorsi anni ha mostrato i suoi lati più duri e faticosi. Il triennio 2011/2014, ma poi anche il 2017 appena concluso, hanno forse rappresentato i tratti più difficili di questo cammino, anni nei quali molti nati del segno hanno pensato che l’obiettivo fosse fuori dalla loro portata. Il Capricorno è un segno orgoglioso e vorrebbe farcela da solo, mentre in quegli anni ha spesso dovuto chiedere aiuto. E’ un “solista” dalla fortissima matrice imprenditoriale, fa molta fatica a stare “sotto padrone” o recluso in un inquadramento che consente scarsa autonomia, ma in quegli anni ha dovuto accantonare temporaneamente alcuni progetti personali e ripiegare su un impiego che gli consentisse di superare il momento d’impasse. Ogni situazione è differente, ma tutte hanno un tratto simbolico comune: in quegli anni per il Capricorno è stato molto difficile sentirsi pienamente al timone delle proprie scelte e vivere fino in fondo la “cardinalità” (iniziativa, intraprendenza, ambizione) tipica del proprio segno.

Nel 2018, con Saturno accanto ed Urano in aspetto favorevole, arriva per il Capricorno il momento di far decollare quel “grande progetto” di vita messo faticosamente a fuoco e difeso con le unghie e con i denti negli scorsi anni. E’ l’inizio di una fase di realizzazione che ti consente di rileggere in chiave diversa anche alcuni anni più difficili del passato: proprio come gli esperimenti di Homer che non hanno trovato la giusta spinta per decollare, o non hanno imbroccato la giusta traiettoria, servivano a mettere a fuoco idee chiare, a creare una base strutturale più solida e capace di sorreggere l’edificio di una conquista che dura nel tempo, ad escludere una serie di “strade” per imboccare finalmente quella giusta. Una serie di apparenti “sconfitte” rappresentavano solo una palestra di determinazione grazie alla quale saprai far fruttare al meglio alcuni conquiste di quest’anno. Arriva il momento di una promozione attesa per anni, o di un cattedra autorevole, di un premio. Ognuno nel proprio campo, ma è come vincere un piccolo Premio alla Carriera, un riconoscimento dell’impegno e della dedizione degli ultimi anni.

E questo salto in alto ha delle ripercussioni molto positive anche sull’amore. C’è una cosa che no sempre pensato del Capricorno ed è molto bella. Il Capricorno in fondo è la capretta di montagna, quella che un passo alla volta, arriva alla vetta più alta. Finché la vetta è lontana, non si ferma e non si concede grandi distrazioni. Ma quando si sente più vicina alla vetta, allora rallenta il passo e permette a se stesso di vivere le emozioni più a fondo. Quindi nel 2018 avremo un Capricorno più felice e realizzato, più aperto e desiderosi di mettere in cantiere nuovi progetti insieme al partner. Ma anche molti single del segno per i quali arriva il momento di concedersi vivere un nuovo amore, perché smettono di sentirsi in trincea, con l’elmetto in testa, a difendere una carriera che procede a sobbalzi. Si lasciano alle spalle vecchie delusioni che frenano, vecchi amori che tornano a fasi alterne. Si mette un punto e si va avanti.

Insomma, spero di essere riuscito a darti l’idea di un anno che ti ricompensa degli sforzi del passato. Dopo tante fatiche, il tuo razzo accende i motori e ascende nello spazio aperto, simbolo di conquista, successo e realizzazione. Non si tratta di un esperimento o di un fuoco d’artificio. Rappresenta, al contrario, l’esito di un lungo processo di studio e progettazione, di paziente preparazione, di fedeltà e dedizione al tuo grande progetto di vita e, proprio come lo Sputnik o lo Shuttle, è destinato a cambiare la (tua) storia.

Con amore,
xxx
S*


oroscopoAcquista ora il nuovo libro di Simon! COME SARA’ IL 2018? Simon & the Stars racconta il nuovo anno con la formula che in poco tempo l’ha reso l’astrologo più amato dal web. Il suo sguardo preciso e poetico non si limita alle previsioni ma, attraverso simboli, riflessioni e consigli, ci aiuta a esplorare (e affrontare meglio) questo nuovo capitolo della nostra vita. Come in un viaggio sulla macchina del tempo, infatti, Simon ci accompagna non solo verso il futuro , ma anche in un passato che gioca un ruolo fondamentale. Per capire da dove veniamo, chi siamo, e dove stiamo andando. In questo modo, l’oroscopo diventa un prezioso strumento in grado di indicare in quale punto della nostra storia personale ci troviamo, e quali traguardi o sfide abbiamo di fronte a noi. Proprio come un orologio, ci aiuta a leggere e interpretare il passaggio del tempo e gli snodi di una trama che, giorno dopo giorno, siamo noi a scrivere. Non a caso, anche quest’anno il racconto di ogni segno è affidato a un film, una narrazione emotiva e universale, che permette di comprendere meglio le tematiche principali del 2018. E, soprattutto, aiuta a mettere a fuoco la conquista che nel nuovo anno aggiunge un tassello al nostro continuo percorso di crescita e maturazione. Una novità di questa nuova edizione è «Un giorno per» al termine di ciascun oroscopo mensile: un prezioso calendario di date propizie da segnare sul nostro taccuino.

comments

Oroscopo