Il Cielo del Momento

LA LUNA NUOVA DELL’IDENTITÀ


Questo discorso vale un po’ per tutto lo Zodiaco, ma forse riguarda soprattutto i segni Cardinali (Ariete, Cancro, Bilancia e Capricorno). Sono i segni che aprono le varie stagioni, espressione di iniziativa ed intraprendenza. Nel loro cielo si gioca una battaglia per l’indipendenza iniziata in molti casi nel 2008. Tra alti e bassi, hanno tenuto il passo in un percorso di emancipazione da tutto ciò che rappresentava un freno, un blocco o, ancor più, una forma di dipendenza (economica, materiale, psicologica, decisionale). Tra il 2011 ed il 2014 hanno incontrato forse le fasi più difficili e faticose di questo percorso, e giungono sin qua più forti, determinati e con le idee chiare. Ora si gioca un round decisivo: come Spartacus, si accingono a spezzare una volta per tutte la catena che li tiene bloccati (qualunque essa sia) per dare inizio ad un’era di maggiore libertà e protagonismo.

Ma vale per i segni Fissi (Toro, Leone, Scorpione e Acquario), che corrispondono al mese centrale di ciascuna stagione (quando le caratteristiche ambientali si stabilizzano) e proprio per questo amano la stabilità, le situazioni che vanno a regime e danno garanzia di durare nel tempo. Tendono a radicarsi ma, allo stesso tempo, guardano le novità e i cambiamenti con un certo sospetto. Da qualche anno, però, il loro cielo è tutt’altro che “fermo”. “Merito” del transito di Saturno in Scorpione (2012/15) che ha avuto il senso di far cadere alcune foglie che erano ormai diventate secche per fare spazio al nuovo. Merito di Urano in Toro (2018/19), che ha scosso un vecchio edificio di certezze sin dalle fondamenta. Merito di Giove e Saturno in Acquario, che quest’anno iniziano a mostrare loro una serie di nuove prospettive. Sono anni che il cielo lavora per dargli la spinta giusta per attraversare il mar Rosso, lasciarsi alle spalle una situazione di “prigionia” ed approdare ad una terra promessa. 

Vale per i segni Mobili (Gemelli, Vergine, Sagittario e Pesci). Sono i segni che chiudono ciascuna stagione introducendo quella successiva, espressione astrologica della transizione da una realtà ad un’altra. Qui il cambiamento non è certo un problema. Tutt’altro: sono elastici, versatili, perennemente in movimento. Piuttosto, la loro “missione” è definirsi. Spesso svolgono più attività, rivestono più ruoli, sono “questo e quello”. Ancora, spesso fanno fatica a mettere confini ben marcati tra sé e gli altri. Questo è mio, questo è tuo. Non c’entra la generosità, è importante comprendere la differenza. Questo compito spetta a me, questo invece è un problema tuo. Posso aiutarti, ma non farmene carico scambiandolo per mio. Fanno fatica a mettere paletti. Prima di tutto, con se stessi dicendo “io sono questo, non sono altro”. E poi con gli altri, finendo spesso per esserne saccheggiati. Negli ultimi cinque anni, hanno affrontato un cielo che li ha proprio spinti a ri-definirsi, a scegliere, a stabilire confini con gli altri e, in alcuni casi, a riprendersi ciò che gli era stato portato via. Ora questo percorso è giunto ad un crocevia importante, ad una scelta di fondo: scelgono di essere se stessi.

Sono tre percorsi diversi, ma sono unificati a ben vedere da un comune denominatore: Io sono. Uno scatto di consapevolezza e di assertività. Decido io chi voglio essere. Non ciò che “devo essere” per assecondare condizionamenti e aspettative provenienti dall’esterno, per i segni Cardinali. O per paura di aprire la porta al cambiamento, per i segni Fissi. O perché non ho ancora capito esattamente chi sono, per i segni Mobili. So(no) chi voglio essere. Punto e basta. C’è una ferita dell’identità che inizia a guarire. Grazie ad una Luna Nuova che ci aiuta a fare la siesta nell’ora del mezzogiorno, a prendere le distanze con ciò che non ci corrisponde più e a tirar fuori ciò che abbiamo dentro.

Come ho già detto, la Luna parla il linguaggio delle emozioni. Di conseguenza, in questi giorni potremmo “ballare” tra stati d’animo contrastanti. Tra il desiderio di cambiare, anche a costo di uscire (o lasciar uscire qualcuno) dal recinto delle vecchie sicurezze, e la paura di allontanarci troppo da casa. Ricordiamoci sempre che la Luna Nuova è la fase degli inizi, e cerchiamo di leggere con grande attenzione tutto ciò che “inizia” adesso. Nuove idee, nuove persone, nuovi contatti, nuove proposte: possono essere tutti indizi di una nuova strada da imboccare. Paradossalmente, può consistere anche in qualcosa che ci arriva come “contrastante”: con un litigio, una rottura, un senso di smarrimento, o con la sensazione che una certa situazione non la possiamo/vogliamo più tollerare. Perché anche in questo caso, porre fine ad una situazione che non ci sta più bene, contiene in sé il seme di un nuovo inizio. 

Questo vale, come dicevo, soprattutto per i Segni Cardinali (Ariete, Cancro, Bilancia e Capricorno), perché tutti i grandi protagonisti di questa scena si muovono nel loro cielo: la Luna Nuova (in Bilancia), Plutone (in Capricorno) e Chirone (in Ariete). Ma a ben vedere riguarda un po’ tutti, perché tutti si confrontano in qualche modo con il tema dell’identità e della costruzione di una nuova immagine personale che sia più rispondente alle loro istanze interiori. Se poi conoscete un po’ il vostro tema di nascita, andate a guardare dove cade il 13° grado della Bilancia: vi potrebbe indicare l’area della vita in cui occorre “fare la siesta al mezzogiorno”.

Sono riflessioni sparse, me ne rendo conto: quando si parla di fasi lunari, l’ispirazione è tanta che spesso vado di palo in frasca. Ma spero che possano comunque esservi utili anche solo per mettere a fuoco alcuni possibili stati d’animo di questo periodo. E ancor prima a fare tesoro di alcuni input che arrivano dall’alto e che possono essere davvero importanti.

Apriamo insomma le nostre “orecchie interiori” e cerchiamo di capire cosa vuole dirci questa Luna Nuova in Bilancia!
Un abbraccio e buona Luna Nuova a tutti!
Con amore,
xxx
S*

Altro da Il Cielo del Momento