Il Cielo del Momento

mercurio in acquario

MERCURIO IN ACQUARIO – PENSIERO LIBERO


MERCURIO IN ACQUARIO
(dal 14 febbraio al 10 marzo 2022)

Ciao a tutti! Come state? Mercurio è tornato in Acquario per la seconda volta quest’anno. C’era già stato dai primi di gennaio, salvo poi ingranare la retromarcia per via del moto retrogrado che l’ha riportato in Capricorno. Adesso resterà in Acquario fino al 10 marzo e vale la pena di fare un recap sulle caratteristiche del transito. Come ormai saprete benissimo, ogni pianeta rappresenta una determinata funzione, mentre il segno che lo ospita descrive le qualità attraverso le quali si esprime quella funzione.

In questo caso parliamo di Mercurio, pianeta associato al pensiero, alla parola e a tutti i processi cognitivi in generale. In un tema di nascita, la posizione di Mercurio indica che tipo di “mente” abbiamo (analitica, immaginativa, concreta, astratta, teorica). Indica come osserviamo il mondo, come rielaboriamo i dati di realtà e li trasmettiamo agli altri. E allo stesso modo, i suoi transiti lungo lo Zodiaco  descrivono il tipo di qualità che il pensiero, la parola e la comunicazione assumono a livello macro. Nell’inconscio collettivo nel quale tutti siamo immersi, se volete.

Poi è chiaro che alcuni segni si troveranno più in sintonia con questo cambio di tonalità nelle energie del pianeta, altri meno, ma le note di fondo sono simili un po’ per tutto lo Zodiaco. Vediamo quindi quali sono le caratteristiche di Mercurio in Acquario. La prima cosa da considerare è il cambio di elemento. Mercurio passa da un segno di Terra (espressione di realismo e concretezza) ad un segno d’Aria. Passa quindi in un elemento che gli è decisamente più affine, proprio perché associato al mondo delle idee, del pensiero e della comunicazione

In secondo luogo, Mercurio lascia un segno governato da Saturno (pianeta del rigore, delle responsabilità e delle regole) per entrare in un segno governato sì da Saturno ma anche da Urano, pianeta del progresso e delle grandi rivoluzione che giungono con una virgola di imprevisto e cambiano le carte in tavola. E quindi possiamo dire che da un periodo più rigido, severo, improntato a regole ferree, passiamo ad un periodo nel quale l’innovazione prevale sulla conservazione. Come dicevo prima, questo aspetto è ulteriormente accentuato dal fatto che Mercurio è già entrato in Acquario ad inizio anno ed ha quindi compiuto il primo moto retrogrado dell’anno e questo pone una certa enfasi sui questi temi.

In qualche modo, essendo l’Acquario governato da Saturno (“regole”) e da Urano (“innovazione”), questo transito apre un discorso (iniziato nel 2021 e che resterà centrale anche nel 2022) che riguarda proprio la necessità di individuare nuove regole. Nuove regole di convivenza, di prudenza, di comportamento, di sicurezza. Nuove regole che – in linea con lo spirito di aggregazione dell’Acquario – cerchino di superare certi confini individuali (a livello geografico e non) e guardare il mondo nel modo più inclusivo e collettivo possibile. Questo è un “macro-tema” che per certi versi sembra confermato un po’ da tutti i transiti di questo periodo, e per certi versi è del tutto in linea con gli insegnamenti dell’età dell’Acquario nella quale stiamo iniziando ad addentrarci. (continua)

Altro da Il Cielo del Momento