Le fasi lunari

GIBBOSA CRESCENTE (135°-179°)


La fase della Luna Gibbosa Crescente inizia quando la Luna viene a trovarsi 135° dopo il Sole e termina alle soglie dell’opposizione che darà vita alla Luna Piena in tutto il tuo splendore (180°). Nell’ambito della fase, quindi, il Sole e la Luna possono formare tre possibili aspetti: un sesquiquadrato (135°), un quinconce (150°) o un’opposizione non esatta (178° circa) perché quando quando questa raggiunge l’esattezza siamo già nella successiva fase della Luna Piena. A questi tre aspetti dedicherò qualche parola in più alla fine del post, ma per il momento occupiamoci del significato generale della fase, che resta inalterato anche se tra Sole e Luna non si forma nessun particolare aspetto. 

Possiamo definirla la fase delle migliorie e degli aggiustamenti. Per certi versi somiglia un po’ alla “prova generale” prima di quel debutto importante rappresentato dal Plenilunio. Chi nasce sotto questa fase ha infatti una naturale vocazione ad ottimizzare, perfezionare e migliorare sin nei minimi dettagli le situazioni con le quali entra in contatto. Di norma non è un “apripista” nel senso pieno del termine, anche se non si può generalizzare perché molto dipende poi dal segno Solare, dal segno Lunare e agli altri valori del tema. Piuttosto, i nati della Gibbosa Calante tendono a prendere il testimone di qualcosa di già avviato per trovare un modo (o spesso, una soluzione) per farlo funzionare al meglio. Spesso hanno proprio una dote innata nel trovare soluzioni, nell’organizzare le cose, sfruttare al meglio le risorse e così via. 

Sono attenti, accurati, a volte possono sembrare pignoli ma proprio per questo nessun dettaglio sfugge al loro radar. Neanche quelli apparentemente più insignificanti, che spesso sono proprio quelli che ti “fregano” e compromettono la buona riuscita di un progetto. Allo stesso modo, hanno la tendenza a creare un “metodo” per sistematizzare, organizzare e spesso rielaborare a modo proprio le cose alle quali si dedicano. Ad esempio Roberto Assagioli che introdusse la psicoanalisi in Italia rielaborandola nel suo metodo della “psicosintesi”, nacque sotto questa fase alla cuspide con la successiva fase della Luna Piena. E questa particolare posizione la troviamo nella sua capacità di attingere dagli insegnamenti di Freud e Jung, e rielaborarli in un proprio metodo (Gibbosa Crescente) da presentare poi al mondo (Luna Piena). 

Spesso la loro dedizione li fa apparire votati ad una causa, o comunque dotati di un forte senso di responsabilità verso ciò che stanno portando avanti. Per la stessa ragione, sono capaci di lavorare in team o comunque di mettere da parte il proprio individualismo per il bene di un progetto o di una causa comune. Tendono talvolta al perfezionismo – specialmente se nati con il sesquiquadrato, e quindi con una differenza esatta tra Sole e Luna di 135° – o comunque a credere ciecamente nel motto «Se vale la pena di farlo, vale la pena di farlo bene. Altrimenti meglio non perderci tempo». 

NATI CON LA LUNA GIBBOSA CRESCENTE
Roberto Assagioli (del quale ho parlato prima), Henry Kissinger (consigliere per la sicurezza nazionale sotto le due presidenze di Richard Nixon e di Gerald Ford tra il 1969 e il 1977), Franklin Roosevelt, George Gershwin (che per molti ha posto le basi del musical moderno), Bill Gates (che non richiede commenti, avendo “tradotto” un linguaggio informatico incomprensibile in un sistema a finestre utilizzabile anche da consumatori meno esperti). 

Altro da Le fasi lunari