CHE COS’E’ L’ASCENDENTE?

CHE COS’E’ L’ASCENDENTE?

«Che rapporto hanno il segno solare e l’ascendente?», «Qual è più importante?», «È vero che con il passare degli anni l’ascendente prende il sopravvento?», «E’ importante leggere anche l’oroscopo dell’ascendente?», «Che cosa è il discendente?». Sono alcune tra le domande più gettonate che ricevo nei vostri messaggi, e ho deciso di affrontare questi argomenti in una serie di approfondimenti. Iniziamo mettendo a fuoco cosa sia esattamente l’ascendente, la sua funzione e il suo rapporto con il Segno.

Il segno solare è il segno zodiacale nel quale transita il Sole al momento della nostra nascita, e rappresenta la nostra identità. È il segno con cui ci immedesimiamo di più («io sono Ariete», «io sono Toro») e il suo insegnamento diventa un po’ la nostra direzione di crescita. È il pilota del simbolico «Viaggio dell’eroe» verso l’affermazione e lo splendore personale che ognuno di noi compie nell’arco della vita, perché il «desiderio» ultimo del Sole, la sua vocazione a prescindere dal segno zodiacale che lo ospita, è sempre e comunque quello di risplendere.

La posizione del Sole in un determinato segno e i rapporti che lo legano agli altri pianeti indicheranno la natura e la direzione di questo «viaggio», il tipo di attività, di eventi e di esperienze di vita che ci avvicinano (o ci allontanano) da questa centratura, che ci fanno brillare come una stella accesa (il Sole non è altro che la «nostra» stella) o che invece ci appannano come una stella spenta. Quando percorriamo una vita che non ci consente di «splendere», è il Sole che cerca di riportarci sul sentiero del nostro giusto Viaggio. I suoi messaggi possono andare dalla frustrazione di non sentirci appagati, al desiderio di rivoluzionare tutto, all’accendersi di una nuova curiosità nella nostra vita. Sono tutte indicazioni del Sole, cartelli segnaletici che ci riportano verso la nostra via di evoluzione. Tutto questo è compito del nostro segno solare.

L’ascendente invece è il segno zodiacale che sorge a est nel momento del nostro primo vagito di vita. Nello stesso punto dove al mattino sorge il sole, infatti, ogni due ore spunta un diverso segno zodiacale, e nell’arco delle ventiquattro ore di lì è passato l’intero zodiaco. Il segno che si sta affacciando ad est al momento della nascita si chiama «segno ascendente» (o anche «segno sorgente», come lo chiamano alcuni) proprio perché «spunta» contemporaneamente al nostro primo vagito di vita e rappresenta la nostra personale «alba»: il modo in cui «spuntiamo» e ci presentiamo al mondo e alla vita. Per questo, in termini più metaforici, rappresenta il nostro approccio alle cose e alle persone: quel complesso di comportamenti, azioni e reazioni che chiamiamo «carattere». Molto spesso, la prima impressione che diamo all’esterno è più vicina alle caratteristiche dell’ascendente che del segno.

Per tornare alla metafora del viaggio, se il segno solare è il pilota, che stabilisce la rotta e la direzione, l’ascendente corrisponde invece al veicolo utilizzato per coprirne il percorso. Una macchina sportiva e veloce che bada poco alla sicurezza, come potrebbe essere un ascendente Ariete, oppure un mezzo cingolato più lento ma con un’ottima tenuta di strada, come potrebbe essere un ascendente Toro, più portato alla prudenza, e così via.

Quando il Sole e l’Ascendente cadono in segni simili, questa distinzione tra pilota e veicolo è meno appariscente. Quando invece cadono in segni fortemente diversi (in segni opposti, ad esempio, o in quadratura) lì sì che si vede chiaramente una divergenza più o meno marcata tra come la persona è (segno solare), e come si comporta e appare esternamente (ascendente).

Prendiamo ad esempio un Acquario con ascendente Leone: sarà sempre un Acquario, inventivo, imprevedibile, socievole e portato alla condivisione, ma con una sua timidezza. Tenderà però a presentarsi al mondo da Leone, con un animo caloroso e istrionico, che di per sé non appartiene tanto all’Acquario; si comporterà da accentratore, con qualche insicurezza acquariana che di tanto in tanto farà comunque capolino attraverso la criniera leonina. L’ascendente Leone potrebbe spingerlo a cacciarsi in situazioni che lo mettono al centro dell’attenzione, ma sotto sotto il pilota-Acquario potrebbe pensare tra sé e sé: «Ma chi me l’ha fatto fare?».

È vero che con il passare degli anni l’ascendente emerge sempre di più e diventa più visibile, ma solo perché crescendo si diventa sempre più bravi a conoscere il «veicolo» e a sfruttarne i punti di forza, correggendo eventuali malfunzionamenti. Prendiamo dimestichezza con la macchina e riduciamo al minimo il rischio di sbandate o testacoda! In genere accade dopo i trent’anni di età, quando Saturno ha interamente compiuto il suo primo giro e ha costruito un senso d’identità più solido e radicato. Il «pilota» ha ottenuto un brevetto più elevata, una patente di guida «spericolata»: si sente più sicuro di sé, più spavaldo alla guida del suo veicolo, e non tenta più di frenarne le potenzialità.

Per questo, è importante leggere anche l’oroscopo del proprio ascendente oltre a quello del segno solare. Naturalmente, con una differenza: l’oroscopo del segno solare ci dà indicazioni sul nostro viaggio interiore, ci racconta gli stati d’animo, i cambiamenti, le nuove inclinazioni che emergono nel corso della vita. L’oroscopo del nostro ascendente, invece, ci fornisce indicazioni sul veicolo: ci parla cioè di quello straordinario strumento che è il nostro carattere, il modo di entrare in relazione con gli altri, l’approccio alla vita e soprattutto la capacità di dare vita a progetti e iniziative.

L’oroscopo del segno solare, quindi, descrive un livello più intimo e profondo, quello dell’ascendente racconta invece un livello più esteriore, caratteriale, interpersonale. Sono due livelli di lettura che però vanno combinati l’uno all’altro e, in alcuni casi, l’oroscopo dell’ascendente può descrivere gli eventi, i fatti, gli incontri, le difficoltà interpersonali o le grandi “occasioni” della vita persino meglio di quello del segno solare.

E se ogni ascendente è un “veicolo”, QUI trovate la descrizione della nostra “flotta” di ascendenti, un diverso veicolo per ciascun ascendente!

Un abbraccio a tutti!
Con amore,
xxx
S*

ACQUISTA ORA IL LIBRO SU AMAZON O IBS (COPIA AUTOGRAFATA)

LEGGI ANCHE: 

comments

A lezione di Stelle